Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:09
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home

Una colossale opera di Ozmo in Val Camonica

Immagine di copertina

Lo street artist italiano ha realizzato una Minerva di grandi dimensioni nella valle lombarda nota per le incisioni rupestri risalenti a migliaia di anni fa

Nell’agosto del 2015 l’artista di street-art Gionata Gesi, noto con lo pseudonimo di Ozmo, ha inaugurato un’opera di grandi dimensioni (30 metri di lunghezza e 16 di altezza) raffigurante la dea greca Minerva.

L’opera si trova nel paese lombardo di Breno, in Val Camonica, e si ricollega a un’antica tradizione locale, quella delle incisioni rupestri, iniziata oltre 10mila anni fa e sviluppatasi fino al primo millennio avanti Cristo, quando la valle era abitata dall’antico popolo dei Camuni.

L’opera, infatti, è stata realizzata nell’ambito del progetto Wall in art in cui diversi comuni della Val Camonica – nota per la sua storia anche come “Valle dei Segni” – hanno realizzato opere permanenti di street art di dimensione monumentale per proseguire, a distanza di millenni, la tradizione delle incisioni rupestri.

Per realizzare l’opera – che occupa un’area di 480 metri quadrati – è stata allestita un’impalcatura di nove piani sulla quale Ozmo ha lavorato per un mese di tempo, usando circa 260 litri di vernici.

Ozmo non è nuovo nel raffigurare soggetti classici come in questo caso: diversamente da numerosi altri street-artsit, infatti, la sua formazione è avvenuta presso l’Accademia di Belle Arti di Firenze, dove ha approfondito le tecniche del writing, della pittura e della grafica digitale.

Ozmo, inoltre, ha esposto le proprie opere in alcuni dei principali musei di arte contemporanea italiani, tra cui il Macro di Roma e il Museo del Novecento di Milano.

Le incisioni rupestri della Val Camonica, invece, cui l’opera di Ozmo si ricollega, nel 1979 sono divenute il primo patrimonio dell’umanità Unesco d’Italia.

Il video della preparazione dell’opera

Ti potrebbe interessare
TV / Isola dei Famosi 2022, eliminati: chi è stato eliminato oggi, 20 maggio
TV / Isola dei Famosi 2022, nomination: i concorrenti nominati oggi, 20 maggio
TV / The Band: vincitore, chi ha vinto la finale
Ti potrebbe interessare
TV / Isola dei Famosi 2022, eliminati: chi è stato eliminato oggi, 20 maggio
TV / Isola dei Famosi 2022, nomination: i concorrenti nominati oggi, 20 maggio
TV / The Band: vincitore, chi ha vinto la finale
Esteri / I video dell’esecuzione dei civili a Bucha: le nuove prove pubblicate dal New York Times
Cronaca / Riceve bolletta da 33mila euro, 75enne colpita da un malore: ora la prima vittoria in tribunale
Cronaca / L’Aquila, la conducente dell’auto: “Errore umano, marcia tolta inavvertitamente”
Politica / Berlusconi: “L’Europa convinca Kiev ad accettare le richieste di Putin”
Economia / Il paradosso delle sanzioni: dall’invasione l’Italia ha quadruplicato le importazioni di petrolio russo
Lotterie / Estrazione VinciCasa: i numeri vincenti estratti oggi 20 maggio 2022
Lotterie / Estrazione Eurojackpot: i numeri vincenti estratti oggi, venerdì 20 maggio 2022