Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 15:13
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home

Gli abitanti di Shanghai che non vogliono lasciare casa per far posto ai grattacieli

Immagine di copertina

Il quartiere Guangfuli è abitato da centinaia di persone che si rifiutano di lasciare le proprie abitazioni fatiscenti per fare posto a nuove e più moderne costruzioni

A Shanghai, in Cina, esiste un’area della città che si
differenzia immediatamente da tutto il resto della superficie urbana, e lo si
nota anche a colpo d’occhio per il fatto che, circondata da altissimi
grattacieli, l’area in questione si compone di qualche casa bassa e vaste aree
di terreno senza edifici.

Il quartiere Guangfuli è infatti abitato da centinaia di
persone che da circa 16 anni si rifiutano di lasciare le proprie abitazioni
fatiscenti, nonostante la richiesta del comune di sgombrarle per fare posto a
nuove e più moderne costruzioni in linea con il resto della città.

In uno stato come la Cina, in cui il concetto di proprietà
privata è ancora poco definito a decenni di distanza dalla rivoluzione maoista,
sembra non esserci una soluzione legale per risolvere la disputa una volta per
tutte, e questa lotta tra residenti e comune si riflette nell’aspetto del
quartiere.

Il cittadino locale Luo Baocheng ha ereditato da sua madre
un appartamento in questa zona, e ha dichiarato a Reuters che i servizi
immobiliari locali si rifiutano di pagare i 4,2 milioni di yuan (circa 570mila euro)
che secondo lui corrispondono al valore della casa.

I prezzi medi dell’area appena fuori Guangfuli si aggirano
al momento intorno ai 10mila euro al metro quadro, e nell’ultimo anno sono aumentati
del 25 per cento.

I residenti hanno proposto agli imprenditori edili di
scambiare le proprie case con nuovi appartamenti nel quartiere di Jiading, ma
il problema è che avrebbero dovuto pagare cifre di cui non dispongono.

Gli abitanti della zona vivono quindi in abitazioni ormai in rovina,
tra macerie e rifiuti sparsi ovunque nelle aree spoglie che circondano le
ultime case rimaste. Intanto, a pochi metri da loro, si ergono palazzi
altissimi e che simboleggiano la Cina più ricca e tecnologicamente sviluppata. 

Ti potrebbe interessare
Tecnologia / Tate: Luce, Gas, innovazione e trasparenza
Musica / Mark Hoppus dei Blink-182, rivela di avere il cancro: “Fa schifo e ho paura”
Esteri / Orban: "La nostra legge non è contro i gay ma sulle famiglie, non la ritiriamo"
Ti potrebbe interessare
Tecnologia / Tate: Luce, Gas, innovazione e trasparenza
Musica / Mark Hoppus dei Blink-182, rivela di avere il cancro: “Fa schifo e ho paura”
Esteri / Orban: "La nostra legge non è contro i gay ma sulle famiglie, non la ritiriamo"
Musica / Bugo e Morgan finiscono in tribunale dopo il caso Sanremo: “Illecito modificare il testo di Sincero”
Opinioni / Madame bambocciona: la rap-star che fa i capricci a tavola (di R. Bocca)
Esteri / Miami, crolla palazzo di 12 piani in zona residenziale: “Si temono molte vittime”
Oroscopo / Oroscopo Paolo Fox di domani per Bilancia, Scorpione, Sagittario, Capricorno, Acquario e Pesci | Venerdì 25 giugno 2021
Oroscopo / Oroscopo Paolo Fox di domani per Ariete, Toro, Gemelli, Cancro, Leone e Vergine | Venerdì 25 giugno 2021
Esteri / Morto in carcere il “papà” del primo antivirus per computer
Cronaca / Mugello, accertamenti della procura su precedente “fuga” del fratellino di Nicola