Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Zimbabwe, esercito spara contro i manifestanti: 3 morti. Onu: “I leader del paese respingano ogni forma di violenza”

Immagine di copertina
Credit: Afp

Alta tensione in Zimbabwe dopo l'annuncio dei risultati elettorali. L'opposizione accusa il governo di brogli

Non si placa la tensione in Zimbabwe, dopo che tre persone sono morte mercoledì 1 agosto negli scontri tra i militari e i manifestanti dell’opposizione che ad Harare, la capitale, stavano protestando contro presunti brogli elettorali. L’esercito ha aperto il fuoco su chi era sceso in strada e ha usato gas lacrimogeni per disperdere la folla.

Il portavoce del Movimento Democratico per il Cambiamento (Mdc), Nkululeko Sibanda, ha condannato duramente l’esercito per aver sparato contro i manifestanti “senza una ragione apparente”.

È intervenuta anche la comunità internazionale: l’Onu ha lanciato un appello esortando “leader politici e popolazione dello Zimbabwe a respingere ogni forma di violenza in attesa della risoluzione delle dispute e dell’annuncio dei risultati elettorali”.

“Siamo preoccupati per le notizie di incidenti di violenze in alcune parti dello Zimbabwe”, ha sottolineato il portavoce Onu, Farhan Haq.

Un appello alla moderazione è venuto dall’ambasciata Usa, che si è detta “profondamente preoccupata” dagli eventi.

Emerson Mnangagwa, il presidente 75enne dello Zimbabwe, ha incolpato Mdc per le violenze in e ha accusato l’opposizione di volere “disturbare la pace nazionale” per interrompere il processo elettorale.

Il governo ha avvertito che “non ci sarà alcuna tolleranza” verso chi manifesta in strada per contestare i risultati del voto e ha ribadito che qualunque altra manifestazione dell’opposizione sarà repressa. “Non chiuderemo un occhio sugli scontri, come quelli che si sono verificati oggi”, ha dichiarato il ministro dell’Interno Obert Mpofu nel corso di una conferenza stampa tenuta nella notte di mercoledì 1 agosto. “L’opposizione ha forse interpretato la nostra comprensione degli eventi come un segno di debolezza. Penso che stia testando la nostra determinazione ma stanno per commettere un grave errore”, ha aggiunto.

Il capo di stato, dopo che la commissione elettorale aveva dichiarato la vittoria del partito al potere Zanu-PF, aveva lanciato un appello alla pace, esortando tutti “a desistere da dichiarazioni e affermazioni provocatorie”.

Le elezioni

Il partito al governo in Zimbabwe dal 1980, lo Zanu-PF, ha conquistato la maggioranza assoluta in Parlamento. Lo rivelano i risultati ufficiali, anche se non definitivi, delle elezioni legislative che si sono svolte lunedì 3o luglio, le prime dopo la caduta del presidente Robert Mugabe.  I risultati ufficiali del voto, insieme al nome del nuovo presidente, sono attesi entro il 4 agosto.

Nelle 153 circoscrizioni di cui sono arrivati i risultati, lo Zanu-PF ha ottenuto 110 seggi, mentre il principale partito dell’opposizione MDC (il Movimento per il cambiamento democratico) ha vinto 41 seggi, ha riferito l’emittente pubblica ZBC, citando i risultati della commissione elettorale.

Gli osservatori internazionali, tornati a monitorare le elezioni dopo sedici anni di assenza, hanno denunciato una “disuguaglianza di opportunità” tra i partiti.
Il voto, dopo una campagna elettorale insolitamente pacifica e partecipata, è considerato storico perché è il primo dalla caduta del regime di Robert Mugabe, al potere per 37 anni e costretto alle dimissioni lo scorso 21 novembre
Ti potrebbe interessare
Esteri / Russia: Mosca oscura 81 media europei tra cui la Rai, La7, Repubblica e La Stampa
Esteri / Russia: la Corte penale internazionale (CPI) emette mandati di arresto per il capo di stato maggiore Valery Gerasimov e per l’ex ministro della Difesa Sergei Shoigu
Esteri / L’Ue avvia ufficialmente i negoziati di adesione con Ucraina e Moldavia
Ti potrebbe interessare
Esteri / Russia: Mosca oscura 81 media europei tra cui la Rai, La7, Repubblica e La Stampa
Esteri / Russia: la Corte penale internazionale (CPI) emette mandati di arresto per il capo di stato maggiore Valery Gerasimov e per l’ex ministro della Difesa Sergei Shoigu
Esteri / L’Ue avvia ufficialmente i negoziati di adesione con Ucraina e Moldavia
Esteri / Il Tribunale di Budapest chiede all’Europarlamento di sospendere l’immunità a Ilaria Salis
Esteri / Scivola dal tapis roulant e precipita dalla finestra: muore a 22 anni
Esteri / Julian Assange è libero: torna in Australia dopo aver patteggiato con gli Usa
Esteri / Gaza, Oms: "Impedita evacuazione di 2.000 feriti da Rafah"
Esteri / Media: 8 palestinesi uccisi in un raid israeliano a Gaza. Borrell: “La guerra sta per espandersi”
Esteri / Timori Usa: “Hezbollah può sopraffare difesa aerea Israele”. Media: raid su Gaza, almeno 8 morti
Esteri / Le Nazioni Unite affidano all’Università Iuav di Venezia il progetto di ricostruzione di Gaza