“Ho scambiato in culla almeno 5mila neonati per divertimento”: la confessione shock di un’infermiera

Di Beatrice Tomasini
Pubblicato il 8 Apr. 2019 alle 21:18 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 11:45
0
Immagine di copertina
La confessione shock di un'infermiera in Zambia

“Ho trovato Dio e sono rinata quindi non voglio più nascondere nulla: nei 12 anni in cui ho lavorato come infermiera al reparto Maternità dell’UTH ho scambiato nelle loro culle circa 5mila neonati”.

La confessione shock di un’infermiera dello Zambia che, in punto di morte perché malata terminale, aveva deciso di svelare un terribile segreto tenuto nascosto per anni si è rivelata una bufala. Dalle indagini è emerso che nessuna Elizabeth Bwalya Mwewa ha mai lavorato nel reparto maternità dell’University Teaching Hospital di Lusaka, come da lei dichiarato.

“Avendo un tumore allo stadio terminale mi resta poco da vivere, e voglio rendere conto dei miei peccati”, aveva confessato la donna. Lo “Zambian Observer” aveva riportato la notizia che l’infermiera avesse scambiato i neonati “per divertimento”.

“Ho peccato contro Dio, e spero che lui mi possa perdonare. E chiedo anche agli zambiani di perdonarmi per tutto il male che ho fatto a bambini innocenti”, aveva detto Elizabeth Mwewa.

“Ho provocato il divorzio di alcune coppie che, sebbene fossero fedeli, hanno pensato a un tradimento dopo il test del DNA. Ho fatto allattare a molte madri figli non loro”. L’infermiera aveva anche lanciato un appello a tutti i nati nell’ospedale in questione tra il 1983 e il 1995 e che non fossero sicuri della propria somiglianza con i genitori.

“Quindi se tutti i vostri fratelli e sorelle hanno la pelle molto scura e voi ce l’avete più chiara, è probabile che vi abbia scambiato io, e mi dispiace molto per questo”, ha dichiarato la donna.

Nove infermiere incinte in contemporanea, è record nel reparto maternità dell’ospedale

Prato, lo sfogo del 14enne che ha avuto un figlio con la Oss-insegnante

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.