Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:15
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Il violinista simbolo delle proteste contro Maduro è stato liberato

Immagine di copertina
Credit: Reuters

Arteaga era diventato famoso perché suonava l'inno venezuelano durante le proteste contro il governo di Caracas

Wuilly Arteaga, il violinista di 23 anni diventato uno dei simboli della protesta contro il governo del presidente Nicolas Maduro, è stato liberato in Venezuela dopo aver trascorso tre settimane in carcere.

A rivelarlo è stato lo stesso procuratore generale del paese, Tarek Saab, che ha pubblicato la notizia su Twitter.

Il musicista era diventato famoso per il suo ruolo nelle manifestazioni in corso a Caracas dall’inizio di aprile. Il giovane marciava insieme agli altri attivisti suonando l’inno nazionale venezuelano con il proprio violino.

Il ragazzo era stato arrestato il 27 luglio con l’accusa di possesso di sostanze incendiarie. Secondo Alfredo Romero Mendoza, del gruppo di attivisti per i diritti civili Foro penal venezoalano, Arteaga era stato picchiato dalle forze dell’ordine prima di essere arrestato.

“Wuilly Arteaga è stato liberato, che la sua musica torni a riempire di speranza il popolo del Venezuela”, ha twittato Freddy Guevara, vicepresidente del parlamento ed esponente dell’opposizione.

La situazione a Caracas resta ancora tesa. Il presidente Maduro non vuole fermare la contestata riforma costituzionale che ha portato all’elezione della nuova assemblea costituente – composta in maggioranza di personalità vicine al partito al governo e che ha assunto i pieni poteri, esautorando il parlamento dove l’opposizione ha la maggioranza.

Da aprile, le proteste di piazza e le pressioni internazionali, comprese anche le sanzioni degli Stati Uniti, chiedono le dimissioni del governo venezuelano e il suo presidente.

Maduro guida il paese dal 2013, dopo essere stato designato direttamente dal suo predecessore Hugo Chavez, prima di morire. La contrapposizione all’interno del Venezuela è cresciuta soprattutto dopo la decisione della Corte suprema del 29 marzo di esautorare il parlamento, facendo crescere la preoccupazione di un aumento dei poteri del presidente.

In realtà, la crisi venezuelana va avanti da anni e ha cause soprattutto economiche. Nel 2016 tre quarti dei supermercati del paese sono rimasti vuoti lasciando la popolazione senza cibo per diversi giorni.

https://www.tpi.it/economia/crisi-inflazione-prezzi-consumo

Ti potrebbe interessare
Esteri / Con il nuovo reattore Olkiluoto-3 la Finlandia si aggiudica la centrale nucleare più potente d’Europa
Cronaca / Putin annette le regioni ucraine: “Saranno russe per sempre. Ora disposti a negoziare”
Esteri / Ucraina, sale la tensione a Zaporizhzhia: missili su un convoglio umanitario, 25 morti
Ti potrebbe interessare
Esteri / Con il nuovo reattore Olkiluoto-3 la Finlandia si aggiudica la centrale nucleare più potente d’Europa
Cronaca / Putin annette le regioni ucraine: “Saranno russe per sempre. Ora disposti a negoziare”
Esteri / Ucraina, sale la tensione a Zaporizhzhia: missili su un convoglio umanitario, 25 morti
Esteri / Nord Stream, 007 Russia: “Prove coinvolgimento Occidente in attacchi”. Grande nuvola di metano su Norvegia e Svezia
Esteri / Guerra in Ucraina, le intercettazioni dei soldati russi: “Putin è un idiota. Ci ordinano di uccidere tutti”
Esteri / Non solo il velo: la rivolta in Iran assume le dimensioni di una vera lotta di classe
Esteri / Afghanistan, attentato in una scuola di Kabul: almeno 19 morti e 27 feriti
Esteri / Ambasciata italiana a Mosca: “Italiani valutino se lasciare Russia”
Esteri / Germania: via al tetto al prezzo dell'energia, prevista spesa di 200 miliardi
Esteri / Donne in piazza: in Iran scoppia la rivoluzione del velo