Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 18:38
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Da quest’estate sui voli europei si potrà navigare con il Wifi ultra veloce

Immagine di copertina

Da giugno 2018 in Europa sarà disponibile su alcuni voli aerei la connessione a banda larga per potere navigare su Internet durante il viaggio

Da quest’estate in Europa si potrà navigare su internet durante il volo in aereo sfruttando la connessione Wifi a banda larga messa che sarà disponibile a bordo di alcune compagnie aeree.

Il servizio è stato predisposto dall’European Aviation Network (Ean), una rete ibrida per le comunicazioni in volo realizzata dagli operatori satellitari Deutsche Telekom e Inmarsat, in collaborazione con il partner tecnologico Nokia.

Il progetto prevede la costruzione di una rete composta da 300 stazioni base in 30 paesi europei.

Nokia invece è stata incaricata di progettare ripetitori in grado di trasmettere il segnale a un aereo che viaggia a 1.200 chilometri all’ora e ad altezze di 10 chilometri.

Le prime compagnie aeree che usufruiranno del servizio di connessione internet saranno la British Airways e Iberia. I passeggeri potranno navigare su Internet a una velocità pari a quella della banda larga domestica su linea fissa.

Il lancio del Wi-Fi ultraveloce nei cieli europei è previsto per il prossimo giugno, secondo il Financial Times: “il servizio fornirà velocità a banda larga equivalente, se non addirittura maggiore, rispetto a quella disponibile nelle abitazioni su linea fissa”.

Sarà a pagamento, quindi i passeggeri che vorranno usufruire del servizio dovranno farne richiesta e potranno utilizzarlo pagando.

Anche gli inserzionisti pubblicitari e le aziende che offrono servizi di e-commerce che potranno sfruttare questa nuova funzione ultra veloce in volo.

La London School of Economics ha elaborato uno studio, commissionato dall’operatore Inmarsat, sui ricavi che questo nuovo mercato potrebbe portare: il servizio a pagamento del Wifi a banda larga sui voli europei genererà 130 miliardi di dollari di entrate al settore entro il 2035.

Negli Stati Uniti il Wifi ultra veloce in volo è già realtà dal 2017, in Europa invece sebbene la connessione in volo esista già su alcune tratte, non è mai stato offerto un servizio di qualità.

La CCS Insight, una società di ricerca, ha stimato che la domanda per un servizio più efficiente è consistente: “lo spazio areo europeo è il più trafficato del mondo: attraversato ogni anno da 500 milioni di passeggeri”. La possibilità di poter navigare su Internet durante un viaggio in aereo con una connessione rapida è una necessità sempre più crescente anche in Europa.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Chi è Lina Khan, la nuova dirigente dell'Antitrust americano che fa tremare le Big Tech
Esteri / Covid, la Cina risponde alle accuse: “Gli scienziati di Wuhan meritano il premio Nobel”
Esteri / Omicidio Regeni, l’impertinenza egiziana: “Non c’è motivo per iniziare un processo”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Chi è Lina Khan, la nuova dirigente dell'Antitrust americano che fa tremare le Big Tech
Esteri / Covid, la Cina risponde alle accuse: “Gli scienziati di Wuhan meritano il premio Nobel”
Esteri / Omicidio Regeni, l’impertinenza egiziana: “Non c’è motivo per iniziare un processo”
Esteri / Un bisonte e un paio d'occhiali da sole: così sottovoce Biden torna a trattare con Putin
Esteri / “Forza Italia”: Patrick Zaki scrive un bigliettino per gli azzurri dal carcere egiziano
Esteri / Hong Kong, blitz della polizia negli uffici del giornale pro-democrazia: 5 arresti
Esteri / Biden regala a Putin un bisonte di cristallo: ecco cosa simboleggia
Esteri / Violentata in una casa vacanze, 29enne risarcita con 7 milioni da Airbnb
Esteri / Abusati, picchiati, derubati: quei minori stranieri respinti illegalmente alla frontiera del Nord Italia
Esteri / La principessa d’Olanda rinuncia all’indennità da 1,6 milioni di euro: “Non li merito”