Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 00:24
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Si teme un’esplosione di violenza allo scadere del mandato presidenziale di Kabila in Congo

Immagine di copertina

Le elezioni sono state rimandate all'aprile 2018, ma gli oppositori ritengono che il potere di Joseph Kabila sia illegittimo

Scade oggi, lunedì 19 dicembre 2016, il mandato del presidente della Repubblica democratica del Congo Joseph Kabila e si temono esplosioni di violenza.

La ragione della rabbia popolare è che non si sono tenute elezioni nonostante l’incarico di Kabila sia in scadenza e i suoi oppositori ritengono che il presidente voglia rimanere al potere in violazione alla costituzione.

Le presidenziali sono state infatti rimandate fino almeno all’aprile 2018 a causa delle difficoltà logistiche e finanziarie di organizzare le votazioni e alcuni dei leader dell’opposizione hanno avvallato la decisione di Kabila di rimanere in carica fino ad allora. Anche la Corte costituzionale ha stabilito che il presidente può prolungare il proprio mandato.

L’accordo, tuttavia, è ritenuto illegittimo da molti e si teme che si verifichino scontri, specialmente nella capitale Kinshasa, una città da 12 milioni di persone per lo più vicine all’opposizione, dove però questa mattina la situazione appariva tranquilla.

La maggior parte dei residenti hanno preferito rimanere a casa e chiudere negozi e attività, mentre le forze di sicurezza hanno mobilitato paramilitari, agenti di polizia e veicoli corazzati e allestito alcuni checkpoint.

Il governo ha vietato proteste in città, ma si teme che la Repubblica democratica del Congo precipiti nuovamente nel caos e nella guerra a vent’anni dalla caduta del regime di Mobutu Sese Seko. Il paese non ha mai vissuto una transizione di potere pacifica dall’indipendenza, ottenuta nel 1960.

In effetti, alcuni miliziani hanno attaccato una prigione nell’est del paese, ingaggiando le forze di sicurezza in uno scontro a fuoco, nel tentativo di liberare alcuni prigionieri.

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / San Marino, raggiunta l’immunità di gregge (con lo Sputnik)
Esteri / Cade da una gru durante un video in diretta: morta a 23 anni la star di TikTok Xiao Qiumei
Esteri / Ora Bezos vuole la Luna: proposto alla Nasa lo sviluppo di un lander lunare
Ti potrebbe interessare
Esteri / San Marino, raggiunta l’immunità di gregge (con lo Sputnik)
Esteri / Cade da una gru durante un video in diretta: morta a 23 anni la star di TikTok Xiao Qiumei
Esteri / Ora Bezos vuole la Luna: proposto alla Nasa lo sviluppo di un lander lunare
Esteri / Leverkusen, esplosione in un impianto chimico: almeno un morto. Le autorità: "Non uscite e tenete porte e finestre chiuse"
Ambiente / Il ceo di Philip Morris: “Favorevole al divieto totale di fumo entro il 2030”
Esteri / Costretti a vivere tra le macerie: le vite spezzate dei bambini a Raqqa
Esteri / Gelati e software spia: il boicottaggio di Ben & Jerry’s e il caso Pegasus rivelano l’ambiguità di Israele sui territori occupati
Esteri / In Indonesia oltre 100 bambini a settimana muoiono di Covid
Esteri / Tunisia, il presidente Saied assume i pieni poteri: licenzia il premier e sospende il Parlamento
Esteri / Pizza per l’Italia e Chernobyl per l’Ucraina: la gaffe della tv sudcoreana alle Olimpiadi di Tokyo