Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:44
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

“Violentata da mio marito poche ore dopo il parto”, la drammatica testimonianza di Natasha

Immagine di copertina

“Mio marito mi ha violentata poche ore dopo il parto”

Natasha, 31 anni, ha vissuto 8 anni di abusi da parte del marito culminati nella drammatica violenza sessuale perpetrata ai suoi danni poche ore dopo il parto del secondo figlio. “Mio marito mi ha violentato poche ore dopo la nascita di nostro figlio”, spiega dopo avere trovato la forza di raccontare per essere d’aiuto a tutte quelle donne che come lei vivono con un uomo violento.

Natasha ha conosciuto suo marito quando aveva solo 17 anni. L’uomo per anni l’ha costretta a violenze fisiche e psicologiche. “Mi ha spezzata ogni giorno di più”, racconta la 31enne nella sua dolorosa testimonianza. La giovane mamma è una delle donne coraggiose che hanno ispirato OK!, il team legato all’ente benefico contro la violenza domestica, Refuge, per lanciare l’OK! Closet Clear Out nella difesa delle donne in questi mesi di quarantena dovuta al Coronavirus.

“Per otto anni ho vissuto una campagna di abusi e atti offensivi di ogni tipo; sotto le spoglie dell’amore, ha fatto sembrare la manipolazione e l’isolamento un comportamento normale”, dice Natasha. Era un uomo geloso che le aveva impedito anche di lavorare, di incontrare altre persone perché diceva di volerla solo per lui. “Mi ci è voluto molto tempo per capire che mio marito mi stava denigrando, ferendo e manipolando”, dice la 31enne.

Nel 2015 Natasha si è rivolta all’associazione e ha denunciato gli abusi subiti dal marito alla polizia. L’uomo ora si trova in carcere. L’attrice Helen Mirren è una delle celebrità che sostiene la campagna di OK!.

Helen Mirren
Helen Mirren. Credit: EPA/SEBASTIEN NOGIER

Leggi anche: 1. C’è un altro virus, ed è quello della violenza contro le donne: che non va mai in lockdown / 2. Coronavirus, “Per tante donne #stareacasa non è sicuro”: l’appello dei centri anti violenza

Ti potrebbe interessare
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri
Esteri / Boom di contagi nel Regno Unito, il governo corre ai ripari e apre al Green Pass
Ti potrebbe interessare
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri
Esteri / Boom di contagi nel Regno Unito, il governo corre ai ripari e apre al Green Pass
Esteri / Colombia, catturato il narcotrafficante Otoniel. Il presidente Duque: "È il colpo del secolo"
Esteri / Erdogan espelle 10 ambasciatori occidentali tra cui Usa e Francia
Esteri / I vincitori del Wildlife Photographer of the Year 2021
Esteri / Un sistema progettato per evitare la tirannia della maggioranza ha creato la tirannia della minoranza
Esteri / Senatore eletto coi brogli. Ma neanche ora che è stato scoperto dovrà restituire un euro
Esteri / Esercito Europeo: cos’è, come funziona e chi ne fa parte
Esteri / Scudo spaziale, battaglione da 5.000 unità, cooperazione con la Nato: come sarà l’esercito europeo