“Violentata da mio marito poche ore dopo il parto”, la drammatica testimonianza di Natasha

Di Clarissa Valia
Pubblicato il 7 Mag. 2020 alle 19:24
157
Immagine di copertina

“Mio marito mi ha violentata poche ore dopo il parto”

Natasha, 31 anni, ha vissuto 8 anni di abusi da parte del marito culminati nella drammatica violenza sessuale perpetrata ai suoi danni poche ore dopo il parto del secondo figlio. “Mio marito mi ha violentato poche ore dopo la nascita di nostro figlio”, spiega dopo avere trovato la forza di raccontare per essere d’aiuto a tutte quelle donne che come lei vivono con un uomo violento.

Natasha ha conosciuto suo marito quando aveva solo 17 anni. L’uomo per anni l’ha costretta a violenze fisiche e psicologiche. “Mi ha spezzata ogni giorno di più”, racconta la 31enne nella sua dolorosa testimonianza. La giovane mamma è una delle donne coraggiose che hanno ispirato OK!, il team legato all’ente benefico contro la violenza domestica, Refuge, per lanciare l’OK! Closet Clear Out nella difesa delle donne in questi mesi di quarantena dovuta al Coronavirus.

“Per otto anni ho vissuto una campagna di abusi e atti offensivi di ogni tipo; sotto le spoglie dell’amore, ha fatto sembrare la manipolazione e l’isolamento un comportamento normale”, dice Natasha. Era un uomo geloso che le aveva impedito anche di lavorare, di incontrare altre persone perché diceva di volerla solo per lui. “Mi ci è voluto molto tempo per capire che mio marito mi stava denigrando, ferendo e manipolando”, dice la 31enne.

Nel 2015 Natasha si è rivolta all’associazione e ha denunciato gli abusi subiti dal marito alla polizia. L’uomo ora si trova in carcere. L’attrice Helen Mirren è una delle celebrità che sostiene la campagna di OK!.

Helen Mirren
Helen Mirren. Credit: EPA/SEBASTIEN NOGIER

Leggi anche: 1. C’è un altro virus, ed è quello della violenza contro le donne: che non va mai in lockdown / 2. Coronavirus, “Per tante donne #stareacasa non è sicuro”: l’appello dei centri anti violenza

157
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.