Covid ultime 24h
casi +10.593
deceduti +541
tamponi +257.034
terapie intensive -49

India, ventenne si risveglia al suo funerale: i familiari credevano fosse morto

Di Madi Ferrucci
Pubblicato il 3 Lug. 2019 alle 17:56 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 22:58
0
Immagine di copertina

India, si risveglia al suo funerale. La famiglia era convinta che fosse morto.

Ventenne si risveglia funerale – Un ventenne si risveglia poco prima del suo funerale. La famiglia credeva che fosse morto e stava per seppellirlo. Accade in India a Lucknow, capitale dello Stato di Uttar Pradesh, patria del famoso monumento del Taj Mahal.

Il giovane si chiama Mohammad Furqan e la clinica privata che lo ospitava ha dichiarato la sua morte il primo luglio scorso. “Siamo sconvolti. Ci stavamo preparando per l’estremo saluto, quando a un tratto lo abbiamo visto muoversi. Appena abbiamo capito che non era morto, lo abbiamo portato subito all’ospedale di Ram Manohar Lohia e i dottori ci hanno confermato che era ancora vivo”, dichiara il fratello maggiore Mohammed Irfan.

Il ragazzo era stato trasportato in clinica il 21 giugno a seguito di un incidente e da allora era rimasto senza coscienza. Si stava per svolgere la sepoltura ma all’improvviso il ragazzo si è risvegliato tra lo stupore dei presenti.

Il fratello Mohammed dubita della buona fede della clinica: “La nostra famiglia è sotto shock. Avevamo già versato 8,9mila euro alla clinica ma quando abbiamo smesso di pagare ci hanno detto che Furqan era morto”, sostiene. La vicenda ha scioccato al cittadina di Lucknow e ha sollevato dubbi sul buon funzionamento del sistema sanitario della regione. Le autorità competenti hanno già aperto un’indagine.

Il direttore sanitario della città di Lucknow Narendra Agarwal ha dichiarato: “Siamo stati informati dell’errore e la questione sarà indagata a fondo. Il paziente è in condizioni critiche ma che non è ridotto allo stato vegetale. Il polso si sente, la pressione sanguigna c’è e i riflessi rispondono”.

Dopo la sorprendente scoperta Mohammed è stato ricoverato d’urgenza in ospedale e attaccato immediatamente ad un respiratore”.

La storia di Dik, il cane morto, sepolto e “risorto” dopo due giorni

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.