Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:48
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Venezuela, rivolta in un carcere: almeno 30 detenuti morti

Immagine di copertina
Credit: Yuri CORTEZ / AFP

Venezuela, rivolta in carcere: almeno 30 morti | Venezuela news | Nel tardo pomeriggio di giovedì 24 maggio (mattina presto in Italia), nel carcere di Acarigua, nella zona occidentale di Caracas, in Venezuela, è scoppiata una rivolta che ha provocato la morte di almeno 30 detenuti e il ferimento di 26 persone, tra cui figurano 19 agenti di polizia.

A riferirlo è la Ong “Observatorio Venezolano de Prisione“. La rivolta, secondo la Ong, sarebbe scoppiata in seguito alla morte di un detenuto, avvenuta nella giornata di mercoledì 23 maggio e i cui motivi sono ancora da chiarire.

In seguito al decesso del galeotto, gli altri detenuti avrebbero tentato un’evasione di massa da cui sarebbero scaturiti poi gli scontri con le forze di polizia.

L’Observatorio Venezolano de Prisiones, però, propone anche un’altra versione dei fatti e cioè che i carcerati abbiano cominciato la protesta per ribellarsi ai possibili trasferimenti in altri centri di detenzione lontani dai loro paesi di origine.

Oscar Valero, a capo della sicurezza dello stato di Portuguesa, dove si trova Acarigua, la cittadina sede della prigione, dal canto suo ha difeso l’operato degli agenti di sicurezza. Secondo lui, infatti, l’attacco repressivo degli agenti è stato inevitabile dopo che i carcerati: “Hanno lanciato una pioggia di proiettili e fatto esplodere tre granate contro la polizia”.

Versione, però, smentita dalla Ong.

Intanto sui social network sono cominciate a circolare alcune immagini scattate subito dopo la rivolta.

venezuela-news-rivolta-carcere-morti

venezuela-news-rivolta-carcere-morti

venezuela-news-rivolta-carcere-morti

Un’altra notizia di cronaca, dunque, colpisce il paese sudamericano, già alle prese con l’instabile situazione politica (qui la situazione nel paese latinoamericano dall’inizio della crisi).

Tutte le notizie sul Venezuela.
Ti potrebbe interessare
Esteri / Amsterdam, persona muore risucchiata dalla turbina di un aereo in partenza
Esteri / Attacchi ucraini in Russia con armi occidentali, anche Biden pronto a dire sì. Lavrov: “Reagiremo”
Esteri / Xi Jinping: “Conferenza di pace ad ampia base sul Medio Oriente”. Gallant: “Informazioni concrete su ostaggi detenuti a Rafah”. Tajani: “Sì a Stato palestinese, ma con garanzie per Israele”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Amsterdam, persona muore risucchiata dalla turbina di un aereo in partenza
Esteri / Attacchi ucraini in Russia con armi occidentali, anche Biden pronto a dire sì. Lavrov: “Reagiremo”
Esteri / Xi Jinping: “Conferenza di pace ad ampia base sul Medio Oriente”. Gallant: “Informazioni concrete su ostaggi detenuti a Rafah”. Tajani: “Sì a Stato palestinese, ma con garanzie per Israele”
Esteri / “Avrei bombardato Mosca e Pechino”: l’imprevedibilità di Trump e la guerra
Esteri / La Corea del Nord invia palloncini carichi di feci e spazzatura in Corea del Sud. Seul: “Fermatevi”
Esteri / Macron e Scholz: “L’Ucraina deve poter colpire la Russia”. Putin: “Si rischia una guerra globale”
Esteri / Il maltempo danneggia il molo costruito da Usa, sospesi gli aiuti umanitari a Gaza, Riad accusa Israele: “Continui massacri genocidari”. carri armati israeliani proseguono attacchi a Gaza
Esteri / Il Papa si scusa per il termine “frociaggine”: “Non volevo offendere nessuno, la Chiesa è di tutti”
Esteri / Gaza, al-Jazeera: oltre 20 morti in un nuovo raid di Israele a Rafah. Idf smentiscono. Carri armati israeliani raggiungono il centro città. Tel Aviv schiera un'altra brigata. Oms: 723 operatori sanitari uccisi dal 7 ottobre. Quasi 36.100 vittime in totale. Mar Rosso: attaccato un mercantile al largo dello Yemen. Spagna, Irlanda e Norvegia riconoscono lo Stato di Palestina. Slovenia deciderà il 30 maggio. No della Danimarca
Esteri / “Nei seminari c’è già troppa frociaggine”: la frase omofoba attribuita a Papa Francesco