Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:52
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Il Vaticano vieta ai suoi dipendenti di ricevere regali sopra i 40 euro

Immagine di copertina

Niente regali ai dipendenti che superino il valore di 40 euro, pena il licenziamento. Questa la nuova stretta imposta in Vaticano anche nei confronti di cardinali, capi-dicastero e dirigenti. Lo stabilisce la Lettera Apostolica in forma di Motu Proprio del Papa, recante disposizioni sulla trasparenza nella gestione della finanza pubblica. Il provvedimento rientra nelle nuova legge anti-corruzione varata da Bergoglio che vuole porre fine agli scandali finanziari che hanno investito lo Stato Pontificio e aderire agli accordi internazionali.

Una decisione quella voluta da Papa Francesco che arriva in un momento molto delicato per il Vaticano. Moneyval, il comitato europeo che valuta circa la trasparenza delle finanze degli Stati, è in procinto, infatti, di passare ai raggi x anche i conti del Vaticano, quindi giudicare sui progressi fatti in tema di trasparenza dei conti.

Il provvedimento papale è indirizzato principalmente a tutti i livelli dirigenziali e tutti coloro che svolgono un ruolo nell’amministrazione della Santa Sede. Ma anche per coloro che ricoprono ruolo nell’ambito della sfera giurisdizionale e di controllo. Gli impiegati, prima di firmare un contratto e ogni due anni, si devono impegnare a comunicare eventuali condanne ricevute.

Le regole riguardano tutti i livelli dirigenziali della Santa Sede e tutti coloro che svolgono funzioni di amministrazione attiva, funzioni giurisdizionali o di controllo. Prima di assumere l’incarico, e successivamente ogni due anni, dovranno firmare una dichiarazione nella quale assicurano di non aver riportato condanne definitive, di non essere sottoposti a processi penali pendenti o a indagini per corruzione, frode, terrorismo, riciclaggio, sfruttamento dei minori, evasione o elusione fiscale, nella Santa Sede ma anche in qualsiasi altro Stato.

Dovranno attestare anche di non detenere contanti o investimenti, neanche per interposta persona, in Paesi ad alto rischio di riciclaggio o finanziamento del terrorismo, in paradisi fiscali o partecipazioni in aziende che operino contro la Dottrina sociale della Chiesa.

Non è il primo provvedimento di Bergoglio di questo tipo, lo scorso anno infatti aveva approvato un nuovo codice degli appalti. Il provvedimento arriva mentre a Moneyval il Comitato di Strasburgo valuta la trasparenza finanziaria degli Stati e sta redigendo il rapporto sui progressi della Santa Sede, dossier che dovrebbe essere pubblicato per la metà di giugno. L’analisi stabilirà se le leggi, le norme e altre misure necessarie a prevenire e combattere il riciclaggio e il finanziamento del terrorismo sono state adottate e sono utilizzate. L’organo di Strasburgo deve inoltre valutare se il sistema antiriciclaggio e contro il finanziamento del terrorismo funziona e in che misura la Santa Sede sta raggiungendo una serie di obiettivi prestabiliti.

Leggi anche: Vaticano, cardinali violano il coprifuoco. Spunta il cartello: “Basta rientrare alle 2 di notte”

Ti potrebbe interessare
Esteri / Raid di Israele su Rafah: sedici morti tra i quali nove bambini
Esteri / Influenza aviaria, la preoccupazione dell’Oms per la trasmissione tra umani
Esteri / Media: “Hamas valuta l’ipotesi di lasciare il Qatar”. Bombardata in Iraq una base filo-iraniana
Ti potrebbe interessare
Esteri / Raid di Israele su Rafah: sedici morti tra i quali nove bambini
Esteri / Influenza aviaria, la preoccupazione dell’Oms per la trasmissione tra umani
Esteri / Media: “Hamas valuta l’ipotesi di lasciare il Qatar”. Bombardata in Iraq una base filo-iraniana
Esteri / Israele ha lanciato un attacco contro l’Iran: colpita una base militare a Isfahan. Media: “Teheran non pianifica una ritorsione immediata”. Blinken: "Usa non coinvolti"
Esteri / Germania, arrestate due spie russe che preparavano sabotaggi
Esteri / Brasile, porta il cadavere dello zio in banca per fargli firmare un prestito: arrestata
Esteri / Michel: “Iran è una minaccia non solo per Israele, va isolato”. Teheran: “Potremmo rivedere la nostra dottrina nucleare di fronte alle minacce di Israele”
Esteri / La scrittrice Sophie Kinsella: “Ho un cancro al cervello, sto facendo chemioterapia”
Esteri / Serie di attacchi di Hezbollah al Nord di Israele: 18 feriti. Tajani: “G7 al lavoro per sanzioni contro l’Iran”. Netanyahu: “Israele farà tutto il necessario per difendersi”
Esteri / Copenaghen, distrutto dalle fiamme gran parte dell’edificio della Borsa | VIDEO