Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 08:35
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Vaccini Covid, la lettera di 175 premi Nobel ed ex capi di stato agli Usa: “Sospendete i diritti di brevetto per porre fine alla pandemia”

Immagine di copertina
Illustrazione di repertorio di Emanuele Fucecchi

Vaccini, la lettera di 175 premi Nobel ed ex capi di stato agli Usa: “Sospendete i diritti di brevetto”

Oltre 100 premi Nobel ed ex capi di Stato hanno chiesto al presidente Usa Joe Biden di sospendere la proprietà intellettuale sui vaccini Covid e condividere i brevetti. “Un’azione urgente” da intraprendere, “un passo fondamentale e necessario per porre fine alla pandemia” si legge nella lettera inviata al capo della Casa Bianca, anticipata dal quotidiano britannico Financial Times. Tra i firmatari l’ex primo ministro inglese Gordon Brown, l’ex presidente francese Francois Hollande, l’ex presidente dell’Urss Mikhail Gorbaciov e il premio Nobel per l’Economia Joseph Stiglitz.

Sospendere i diritti di proprietà intellettuale per i vaccini Covid-19, si legge nella lettera, significa contribuire ad aumentare le vaccinazioni a livello globale. Una misura che anche l’Organizzazione mondiale del commercio aveva discusso su iniziativa dell’India e del Sud Africa (in rappresentanza di 60 paesi), ma respinto con voto contrario di quasi tutti i paesi occidentali, tra cui anche l’Italia.

Alcune case farmaceutiche temono le ripercussioni di una misura simile sui propri profitti. Se l’azienda anglo-svedese AstraZeneca ha affermato di non avere intenzione di guadagnare sui vaccini finché la pandemia è in corso, altre invece seguono tutt’altra linea. È il caso di Pfizer-Biontech, che ha già messo a bilancio profitti aggiuntivi per 15 miliardi di dollari sulla produzione, nonostante abbia già ricevuto – nelle fase iniziali e più rischiose di messa a punto del vaccino – ingenti finanziamenti pubblici.

Una rinuncia ai diritti è un passo fondamentale e necessario per porre fine a questa pandemia. Deve essere combinato con la garanzia che il know-how e la tecnologia sui vaccini siano condivisi apertamente ”, hanno scritto i firmatari della lettera. Secondo i premi Nobel e gli ex premier una deroga simile, unita ad altre misure “amplierebbe la capacità di produzione globale, non ostacolata dai monopoli industriali che sono causa della terribile carenza di approvvigionamenti che frena l’accesso ai vaccini”.

Leggi anche: 1. Danimarca, stop definitivo al vaccino AstraZeneca: non sarà più usato 2. Basta assurdi egoismi, rendiamo pubblici i brevetti per produrre i vaccini anti-Covid

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL COVID IN ITALIA E NEL MONDO

TUTTI I NUMERI SUL COVID NEL MONDO

Ti potrebbe interessare
Esteri / New York vuole offrire il vaccino Johnson&Johnson a tutti i turisti
Esteri / La città giapponese che ha speso i soldi del Recovery per costruire la statua di un calamaro gigante
Esteri / In Colombia la polizia spara su studenti e operai: oltre 30 morti e 800 arresti
Ti potrebbe interessare
Esteri / New York vuole offrire il vaccino Johnson&Johnson a tutti i turisti
Esteri / La città giapponese che ha speso i soldi del Recovery per costruire la statua di un calamaro gigante
Esteri / In Colombia la polizia spara su studenti e operai: oltre 30 morti e 800 arresti
Esteri / Sospensione brevetti vaccini, Ue spaccata: Italia e Francia a favore, Germania contro
Esteri / La guerra della pesca: cosa sta succedendo nella Manica tra Francia e Regno Unito
Esteri / Donna scomparsa ritrovata in un canyon: è sopravvissuta 5 mesi mangiando erba e muschio
Esteri / L’ascesa della lady di ferro di Madrid che ha stravinto le elezioni tenendo aperti i ristoranti
Esteri / Usa, giustiziato per omicidio: 4 anni dopo test scoprono DNA di un altro
Esteri / Francia e Regno Unito inviano navi da guerra nella Manica: alta tensione sulla pesca
Esteri / Un agricoltore ha spostato per sbaglio il confine tra Francia e Belgio