Covid ultime 24h
casi +24.099
deceduti +814
tamponi +212.714
terapie intensive -30

Usa, trionfo di Biden alle primarie in Carolina del Sud. Trump: “Dem stanno lavorando per distruggere Sanders”

Di Anna Ditta
Pubblicato il 1 Mar. 2020 alle 09:41 Aggiornato il 1 Mar. 2020 alle 10:19
108
Immagine di copertina
Credit Image: © Al Drago/CNP via ZUMA Wire

Usa, trionfo di Biden alle primarie in Carolina del Sud. Trump: “Dem stanno lavorando per distruggere Sanders”

Il trionfo di Joe Biden alle primarie della Carolina del Sud riapre la partita per la nomination democratica in vista delle presidenziali Usa 2020. Si tratta della prima vittoria del candidato dem, che ha sconfitto Bernie Sanders nel primo degli Stati del Sud dove gli afro-americani rappresentano il 60 per cento dell’elettorato democratico.

Biden ha vinto con 255.660 voti, pari al 48,7 per cento, più del doppio di Bernie Sanders che si è fermato a 105.068 voti, il 20 per cento, seondo i dati definitivi della consultazione L’ex vicepresidente americano ha trionfato grazie agli afroamericani che lo hanno votato in tre su cinque, contro l’uno su cinque per Sanders e l’uno su sette per Steyer, secondo gli exit poll della Cnn.

“La nostra campagna sta decollando”, ha esultato l’ex vice presidente, aggiungendo che gli americani “vogliono risultati piuttosto che la rivoluzione”, lanciando una stoccata al “socialista” Sanders senza nominarlo. “Se i democratici vogliono un candidato che sia un democratico, un democratico da tutta la vita, un orgoglioso democratico, un democratico Obama-Biden, unitevi a noi”, ha dichiarato invece rivolgendosi a Michael Bloomberg, rivale moderato dai trascorsi repubblicani.

“Non si può vincere sempre”, è stato il commento di Sanders che, prefigurando la vittoria di Biden, è volato in Virginia, uno dei 14 Stati in cui si voterà nel Super Tuesday (super martedì) il 3 marzo.

La vittoria di Biden, 77 anni, arriva dopo le umiliazioni nell’Iowa e nel New Hampshire. L’ex numero due della Casa Bianca è arrivato secondo nel Nevada ma distante rispetto al senatore del Vermont.

Ha annunciato il suo ritiro dalla corsa il miliardario Tom Steyer, che nella Carolina del Sud ha investito 22 milioni in spot pubblicitari per arrivare solo terzo dopo Biden e Sanders (con l’11.4 per cento). Risultati deludenti anche per la liberal Elizabeth Warren (7,1 per cento) e i due moderati Pete Buttigieg (8,3 per cento) e Amy Klobuchar (3,2 per cento).

“I democratici stanno lavorando duramente per distruggere il nome e la reputazione del folle Bernie Sanders e per strappargli la nomination”, ha twittato il presidente Donald Trump, che si è congraturato con “il sonnolento Joe Biden” per la vittoria.”Mi sembra difficile credere che i candidati presidenziali bocciati Tom Steyer, o Mini Mike Bloomberg, possano dare fondi al Partito democratico, sia pure contro di me, dopo il modo in cui sono stati trattati, derisi e presi in giro. I veri politici se li sono mangiati e li hanno risputati!”, ha scritto Trump nei tweet successivi.

Secondo i calcoli della Cnn, Biden ha ottenuto finora 41 delegati, preceduto da Sanders con 53. Al terzo posto c’è Buttigieg con 26 delegati, quarta Warren con 8 delegati e quinta Klobuchar con 7 delegati. Per vincere la nomination democratica ne occorrono almeno 1.991 e in palio al Super Tuesday ve ne sono 1.344.

Leggi anche:

Usa 2020, primarie Dem in Nevada: vince Sanders, secondo Joe Biden

Usa 2020, primarie democratici in Iowa. Pete Buttigieg vince di un soffio, battuto al fotofinish Bernie Sanders

Elezioni Usa 2020, manca un anno: le incognite e i candidati

Usa 2020, Sanders e Warren contro i moderati: il dibattito dem mostra un partito spaccato

Risarcimento agli schiavi neri: ecco il dibattito infuocato che divide gli Stati Uniti

La candidatura per le elezioni 2020 di Bernie Sanders

Elezioni Usa: Trump crolla nei sondaggi. Biden avanti di 13 punti sul presidente

108
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.