Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 13:09
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Elezioni Usa 2020: Bernie Sanders pronto a lanciare la sua candidatura

Immagine di copertina
Bernie Sanders. Credit: AFP

A convincere Sanders a ripresentarsi alle prossime elezioni sembra siano stati i risultati di alcuni sondaggi

Secondo alcune indiscrezioni, il senatore democratico Bernie Sanders è pronto a presentare per la seconda volta la sua candidatura per la corsa alla Casa Bianca.

Yahoo News, che cita fonti vicine a Sanders, ha scritto che l’annuncio sarà fatto a breve, anche se Josh Orton, il portavoce del senatore del Vermont, ha smentito le voci: “Nessuna decisione è imminente”.

Leggi anche: Usa, chi sfiderà Trump per la presidenza? 8 possibili candidati diventano personaggi del videogame cult “Street Fighter”

A convincere Sanders a ripresentarsi alle prossime elezioni sembra siano stati i risultati di alcuni sondaggi secondo cui il senatore sarebbe il politico più popolare nel paese. In particolare, sembra poter contare sul sostengo degli afroamericani e dei latinoamericani, due gruppi che alle elezioni del 2016 non hanno dato il loro appoggio a Sanders.

Nonostante la sconfitta subita nella corsa contro Hilary Clinton,  la sua campagna ha rimodellato il Partito Democratico: Sanders faceva parte di una piattaforma progressiva il cui obiettivo era l’eliminazione della disuguaglianza di reddito, la riforma delle finanze e la creazione di un ambizioso progetto di assistenza sanitaria per tutti.

Questi principi sono diventati il cuore del programma dei candidati dell’ala progressista del Partito Democratico, diversi dei quali, sostenuti dallo stesso Sanders, hanno vinto le elezioni nel 2018.

L’Internazionale progressista – Bernie Sander, Jseremy Corbyn e Yanis Varoufakis: sono solo alcuni dei 250 tra leader politici e movimenti progressisti che si sono uniti per formare l’Internazionale progressista che va dall’Europa agli Stati Uniti.

L’alleanza globale si propone di “combattere” le tecnocrazie mondiali e i populisti che guadagnano ogni giorno sempre più consenso dentro e fuori dai confini europei.

L’Internazionale progressista nasce da Diem25, un movimento paneuropeo e transfrontaliero democratico nato dal desiderio di salvare l’Ue dall’aumento di misantropia, xenofobia e nazionalismo, sentimenti che a detta dei suoi fondatori sta avvelenando l’Europa. Il gruppo ha intenzione di presentarsi alle prossime elezioni europee.

Ti potrebbe interessare
Esteri / La crisi del Libano: viaggio nel Paese dove la politica settaria tiene in ostaggio la giustizia
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri
Ti potrebbe interessare
Esteri / La crisi del Libano: viaggio nel Paese dove la politica settaria tiene in ostaggio la giustizia
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri
Esteri / Boom di contagi nel Regno Unito, il governo corre ai ripari e apre al Green Pass
Esteri / Colombia, catturato il narcotrafficante Otoniel. Il presidente Duque: "È il colpo del secolo"
Esteri / Erdogan espelle 10 ambasciatori occidentali tra cui Usa e Francia
Esteri / I vincitori del Wildlife Photographer of the Year 2021
Esteri / Un sistema progettato per evitare la tirannia della maggioranza ha creato la tirannia della minoranza
Esteri / Senatore eletto coi brogli. Ma neanche ora che è stato scoperto dovrà restituire un euro
Esteri / Esercito Europeo: cos’è, come funziona e chi ne fa parte