Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:44
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Siria, gli Stati Uniti sono pronti al ritiro delle truppe

Immagine di copertina

Le indiscrezioni sul ritiro delle truppe americane dalla Siria arriva dopo le minacce di Ankara di dare il via ad una nuova azione militare nel territorio siriano

Il governo degli Stati Uniti ha intenzione di ritirare le truppe stanziate in Siria, secondo quanto riferito dai media internazionali che citano fonti vicine al presidente Trump, che già in precedenza aveva affermato di voler lasciare il paese mediorientale.

Gli Usa hanno ancora 2mila soldati schierati in Siria con il compito di combattere lo Stato islamico e negli anni hanno fornito il loro aiuto alle milizie curde e arabe note come Forze democratiche siriane (o SDF), appoggio che la Turchia non ha mai approvato.

Le indiscrezioni sul ritiro delle truppe americane dalla Siria arrivano dopo le minacce di Ankara di dare il via ad una nuova azione militare nel territorio siriano.

Le forze statunitensi in Siria sono state spesso accusate da Erdogan di essere un fattore stabilizzante e di aver in qualche modo limitato le azioni della Turchia contro le SDF.

Anche dopo il ritiro dalla Siria, tuttavia, gli Usa manterrebbero una presenza considerevole nella regione: gli Ststi Uniti infatti hanno ancora più di 5mila soldati stanziati nel vicino Iraq e da lì Washington potrebbe comunque continuare a lanciare attacchi aerei contro la Siria.

Nelle ultime settimane, la coalizione a guida Usa che combatte contro l’Isis ha effettuato centinaia di raid contro i miliziani dello Stato islamico e il  14 dicembre i combattenti curdi hanno ripreso il controllo dell’ultima città siriana ancora nelle mani di Daesh, Hajin.

Centinaia di soldati statunitensi hanno anche addestrato forze locali a At Tanf, nel sud della Siria, dove le forze filo-governative sostenute dalla Russia stanno cercando di affermare il loro potere per ridurre la presenza degli Stati Uniti nell’area.

Gli ufficiali del Pentagono, però, sarebbero contrari alla decisione della Casa Bianca: il ritiro delle truppe infatti permetterebbe a Russia e Iran di aumentare le loro influenza nella regione in generale e in Siria in particolare, oltre a mettere a repentaglio la sicurezza dei combattenti curdi, da sempre osteggiati dalla Turchia.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Il principe George avverte il compagno di classe: “Stai attento, mio padre sarà Re”
Esteri / Biden sulle elezioni in Italia: "Non c’è da essere ottimisti"
Esteri / Arabia Saudita: Mohammed bin Salman rimpiazza il padre e diventa Primo Ministro
Ti potrebbe interessare
Esteri / Il principe George avverte il compagno di classe: “Stai attento, mio padre sarà Re”
Esteri / Biden sulle elezioni in Italia: "Non c’è da essere ottimisti"
Esteri / Arabia Saudita: Mohammed bin Salman rimpiazza il padre e diventa Primo Ministro
Esteri / L’ambasciata Usa a Mosca ha chiesto ai cittadini americani di lasciare subito la Russia
Esteri / Minaccia nucleare, bando urgente di Mosca per l’acquisto di ioduro di potassio
Esteri / Ucraina, referendum in Donbass: vincono i sì con oltre il 90%
Esteri / Iran, la minaccia della polizia per piegare la rivoluzione: “Useremo tutta la forza”
Esteri / La provocazione di Putin: Edward Snowden diventa cittadino russo
Esteri / Gas, perdite nei gasdotti Nord Stream 1 e 2: “Danni deliberati”
Esteri / Patrick Zaki, ipotesi prolungamento processo