Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Usa, Donald Trump concede la grazia al suo ex consigliere Steve Bannon: era accusato di truffa

Immagine di copertina

Usa: il presidente Trump grazia il suo ex consigliere Steve Bannon

Nel suo ultimo giorno da presidente Usa, Donald Trump concede la grazia al suo ex consigliere Steve Bannon, il quale era accusato di truffa.

Bannon era stato arrestato a New York lo scorso 20 agosto insieme ad altre tre persone: Timothy Shea, Brian Kolfage (un veterano della guerra in Iraq) e Andrew Badolato, tutti accusati di aver organizzato una frode nell’ambito della campagna online di raccolta fondi denominata “We Build The Wall“, che aveva come scopo quello di finanziare la costruzione del controverso muro di separazione tra gli Stati Uniti e il Messico.

L’obiettivo del noto attivista di estrema destra, infatti, era quello di aiutare il leader della Casa Bianca a mantenere la promessa elettorale di costruire la barriera lungo il confine sud degli Usa.

Bannon e i suoi tre soci, scrivevano gli inquirenti di New York nell’incriminazione depositata alla Corte federale di Manhattan, “hanno truffato centinaia di migliaia di finanziatori capitalizzando sul loro interesse a finanziare la costruzione del muro al confine e sotto la falsa pretesa che i fondi sarebbero stati spesi per la costruzione”.

Secondo l’accusa, infatti, i fondi raccolti nella campagna sono stati utilizzati a scopi personali, per finanziare lo stile di vita degli organizzatori dell’iniziativa.

Oltre al guru della destra sovranista, Trump ha graziato altre 72 persone e commutato 70 sentenze. Tra coloro che hanno beneficiato del perdono del presidente statunitense, i rapper Lil Wayne e Kodak Black e l’ex sindaco di Detroit, Kwame Kilpatrick.

Notizia in aggiornamento

Leggi anche: 1. Steve Bannon a Roma: “L’Italia? Oggi è il luogo strategico più importante. Bolsonaro e Salvini i leader più influenti al mondo” / 2. Steve Bannon sta creando un’accademia sovranista in Italia per insegnare il populismo / 3. L’anti-Soros: ecco come Steve Bannon vuole diventare il nuovo guru della destra populista mondiale

Ti potrebbe interessare
Esteri / Elezioni in Germania, proiezioni: Spd in leggero vantaggio sulla Cdu
Esteri / I talebani appendono i cadaveri di 4 uomini a una gru nella piazza di Herat: “Ecco la pena per i rapitori”
Esteri / Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice
Ti potrebbe interessare
Esteri / Elezioni in Germania, proiezioni: Spd in leggero vantaggio sulla Cdu
Esteri / I talebani appendono i cadaveri di 4 uomini a una gru nella piazza di Herat: “Ecco la pena per i rapitori”
Esteri / Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice
Esteri / Afghanistan, attentato esplosivo a Jalalabad: 8 morti
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”
Esteri / Elezioni in Germania: chi sarà il successore di Angela Merkel
Esteri / Francia, candidato alle presidenziali attacca la Nutella: “Fa male ai bambini e all’ambiente”