Covid ultime 24h
casi +22.865
deceduti +339
tamponi +339.635
terapie intensive +64

Usa, ex complottista si scusa con il giornalista Cnn: “Pensavo che tu mangiassi i bambini, mi dispiace”

Di Anna Ditta
Pubblicato il 1 Feb. 2021 alle 15:30
68

“Credevi davvero che esponenti democratici di alto livello e personaggi dello spettacolo bevessero il sangue dei bambini?”. “Anderson, in realtà pensavo che anche tu facessi queste cose, e vorrei scusarmi per questo”. Il surreale dialogo si è svolto durante l’intervista del giornalista e anchorman della Cnn Anderson Cooper con Jitarth Jadeja, un ex sostenitore di QAnon, nell’ambito di un’inchiesta intitolata Inside the QAnon Consipracy sulla diffusione delle teorie complottiste negli Stati Uniti.

Il complottista “pentito” racconta di aver creduto a una serie di fake news diffuse dall’estrema destra, secondo le quali il mondo sarebbe governato da un gruppo ristretto di pedofili e satanisti, tra cui Bill Gates e diversi vip e politici democratici statunitensi, ai quali si sarebbe opposto l’ex presidente degli Stati Uniti d’America Donald Trump.

Di fronte all’ammissione di Jitarth Jadeja, Cooper non crede alle sue orecchie. “Ma tu davvero credevi che io bevessi il sangue dei bambini?”, chiede. L’ex complottista risponde affermativamente, e il giornalista a quel punto gli chiede: “C’era qualcosa di me che te lo faceva pensare?”. Jadeja spiega che era “perché Q ti ha menzionato specificamente e ti ha menzionato molto presto”.

Ancora oggi, i sostenitori di QAnon discutono ancora di Cooper. “Sarò onesto, la gente ne parla ancora fino ad oggi”, ha detto Jadeja. “Ci sono stati post a riguardo solo quattro giorni fa.” E non si trattava solo di mangiare bambini. “Alcune persone pensavano che tu fossi un robot”, ha aggiunto.

Leggi anche: 1. Cos’è QAnon, la teoria cospirazionista di destra che si sta diffondendo inosservata in Italia /2. La teoria del complotto QAnon spopola anche in Italia: ecco chi c’è dietro /3. Esclusivo: Parla l’uomo che sta diffondendo la teoria QAnon in Italia: “Vi spiego chi siamo e cosa vogliamo fare”

68
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.