QAnon, la teoria cospirazionista di destra che si sta diffondendo inosservata in Italia

Di Anna Ditta
Pubblicato il 11 Ago. 2020 alle 20:12
1.3k
Immagine di copertina

È nata negli Stati Uniti ma sta mettendo progressivamente radici in diversi paesi del mondo, inclusa l’Italia. La teoria cospirazionista di destra QAnon grazie ai social network si sta diffondendo rapidamente in molti paesi europei – tra cui Italia, Germania, Polonia, Paesi Bassi e Regno Unito – dove, stando a un’inchiesta pubblicata sul Guardian, conta centinaia di gruppi e pagine Facebook dedicate. Nonostante ciò, il fenomeno in Europa sembra passare del tutto inosservato. Ma cos’è esattamente questo movimento e come è nato?

Cos’è QAnon e com’è nata

QAnon nasce negli Usa ad ottobre del 2017, con i post di un utente anonimo di 4Chan noto come Q. Q⁠, che ha in breve tempo attratto migliaia di seguaci. L’autore sosteneva di essere un funzionario della Casa Bianca e di avere accesso a informazioni riservate. Nei suoi post – privi di fondamento – sosteneva che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump starebbe lottando in segreto contro un deep state, un sistema di potere sotto il quale opera una rete di “pedofili e criminali” e di cui farebbero parte, tra gli altri, Hillary Clinton, Bill Gates e George Soros, insieme ad altri politici democratici e celebrità di Hollywood.

La teoria nasce come evoluzione del cosiddetto Pizzagate, un’altra tesi infondata nata nel 2016, secondo la quale la Clinton era coinvolta in attività di sfruttamento sessuale minorile in una pizzeria di Washington DC, insieme ad altri noti esponenti democratici. Nonostante l’FBI abbia identificato queste teorie come una potenziale minaccia, in grado di fomentare la “violenza estremista”, sono molti i sostenitori che aderiscono a queste tesi complottiste, inclusi alcuni candidati repubblicani al Congresso degli Stati Uniti.

Lo scorso 21 luglio, Twitter ha dichiarato di avere rimosso dalla piattaforma oltre 7mila account legati a QAnon, ma la stessa scelta non è arrivata da altre piattaforme social. Come documentato dal Guardian, esistono oltre 170 gruppi, pagine o account dedicati al movimento su Facebook e Instagram, con oltre 4,5 milioni di followers totali. Le community dedicate ai seguaci di QAnon su Facebook, inoltre, riguardano almeno 15 paesi.

QAnon in Italia e in Europa

Negli Stati Uniti, la diffusione di queste teorie del complotto è ormai nota, mentre in Europa il fenomeno passa quasi del tutto inosservato, come ha sottolineato un recente rapporto intitolato QAnon: le teorie del complotto del Deep State si fanno strada in Europa, pubblicato da NewsGuard e firmato da Chine Labbe, Virginia Padovese, Marie Richter e Anna-Sophie Harling. Nel vecchio continente – sottolineano gli autori – “la narrativa del movimento si sta integrando al contesto locale e sta lentamente attirando sempre più seguaci, sia attraverso noti siti locali di disinformazione, sia grazie alla spinta di celebrità e politici che diffondono il messaggio di Q”.

In Italia, nell’ultimo anno sono stati creati diversi account Twitter legati a Q, che contano migliaia di followers. Il canale YouTube Qlobal-Change Italia, nato nell’ottobre 2019, conta già 23.900 iscritti. Mentre negli ultimi mesi sono state create pagine Facebook come Qanon Italia (marzo 2020, 13mila like) e The Q Italian Patriot (maggio 2020, 5.400 like). Il dominio del sito Qanon.it è stato registrato nel febbraio 2020 e pubblica contenuti legati a QAnon in italiano e in altre lingue.

Ad essere preso di mira dalle teorie di QAnon in Italia è sopratutto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, mentre il sostegno dei complottisti va al leader della Lega Matteo Salvini. “Trump sta agendo per impedire la dittatura di Conte!”, si legge in uno dei tweet segnalati da NewsGuard. Nel febbraio 2020, il canale YouTube Dentro la Notizia (che viene  indicato da Qanon.it come “fonte raccomandata di informazione alternativa”) ha postato un video intitolato “Trump, Putin e Salvini uniti contro le élite UE libereranno l’Italia”, che ha raggiunto oltre 22mila visualizzazioni. Nel video si afferma: “I tre [Trump, Putin e Salvini] hanno tutti nemici comuni: Soros, il Deep State e i tecnocrati della Commissione europea… Trump e Putin stanno prendendo provvedimenti per riportare l’Italia a Salvini e al suo governo e liberarci dalle diaboliche élite che dominano l’Unione Europea”.

QAnon e le teorie sul Coronavirus

Tra le teorie cospirazioniste diffuse dai seguaci di QAnon ne esistono alcune riguardanti la pandemia di Covid-19. Si tratta in particolare di tesi no vax e attacchi contro Bill Gates e l’Organizzazione mondiale della Sanità. “Bill Gates e l’OMS hanno ucciso più persone con i vaccini di quelle morte a causa delle malattie”, si legge in un tweet di maggio 2020 di @ItalyQanons (account Twitter con 8.500 follower). Un altro tweet dello stesso account recita: “Lo stesso Deep State che ha creato il Virus vuole simulare un attacco alieno, sarà 10 volte peggio dell’11 settembre”.

Sempre a maggio scorso, un account legato a QAnon con oltre 17mila follower, ha condiviso un video di YouTube nel quale si sostiene che Bill Gates ha brevettato il Coronavirus e secondo il quale “bere acqua calda” e assumere “vitamina C” possono “uccidere il virus”.

Il discorso alla Camera della parlamentare italiana e attivista no-vax Sara Cunial (ex Movimento 5 Stelle, ora Gruppo Misto), a maggio scorso, era ricco di teorie rese popolari dai seguaci di QAnon. La Cunial ha preso di mira Bill Gates e attaccato il “deep state all’italiana”. Il video del suo discorso è stato segnalato su Facebook con l’avviso “informazione falsa”, ma il filmato è ancora disponibile sulla homepage di Qanon.it.

Leggi anche: 1. TikTok, nella guerra di Trump alla Cina a vincere sarà la “dittatura digitale” della Silicon Valley / 2. Usa 2020: perché, nonostante sia molto indietro nei sondaggi, Trump può ancora vincere le elezioni /3. Nino Cartabellotta (Fondazione Gimbe) smonta la fake news sui nuovi casi Covid “d’importazione”

1.3k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.