Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:15
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Undici stati Usa fanno causa al governo federale per l’uso dei bagni per transgender

Immagine di copertina

La Casa Bianca aveva emesso una direttiva qualche settimana fa in cui si autorizzavano gli studenti a usare i bagni pubblici in base alla loro identità di genere

Undici stati degli Stati Uniti hanno presentato ricorso contro i recenti tentativi dell’amministrazione Obama di espandere i diritti degli studenti transgender.

La Casa Bianca aveva emesso una direttiva qualche settimana fa in cui si autorizzavano tutti gli studenti a utilizzare i bagni pubblici degli istituti scolastici in base alla loro identità di genere e non al sesso biologico. La direttiva era arrivata in seguito all’approvazione, da parte di diversi stati, di leggi che limitavano i diritti delle persone transgender. 

L’amministrazione Obama ha minacciato di sospendere gli ausili all’istruzione federale agli stati che non rispettano la direttiva.

Il Texas ad esempio, uno degli stati conservatori che contesta la direttiva, rischia di perdere 10 miliardi di euro di finanziamenti pubblici all’istruzione. “L’amministrazione Obama sta calpestando la Costituzione degli Stati Uniti”, ha detto il governatore del Texas Gregg Abbott.

Sono arrivate numerose critiche anche dal basso. Tanti genitori hanno espresso preoccupazione per la misura, dal momento che molti avrebbero potuto utilizzare questa “copertura” per compiere violenze. Argomento che non trova alcun riscontro nella realtà secondo il Dipartimento di giustizia. 

Gli altri stati, oltre il Texas, ad aver fatto causa al governo federale sono Alabama, Arizona, Georgia, Louisiana, Maine, Oklahoma, Tennessee, Utah, West Virginia e Wisconsin.

Questi accusano il governo di oltrepassare i suoi poteri, invadendo le competenze che dovrebbero essere lasciate ai singoli stati.

L’amministrazione Obama aveva emanato le nuove linee guida in particolare dopo che la North Carolina aveva approvato una legge che imponeva alle persone transgender di usare i bagni pubblici in corrispondenza al proprio sesso biologico. Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti aveva definito quella norma discriminatoria.

— LEGGI ANCHE: UN’ONDATA DI LEGGI ANTI-GAY NEL SUD DEGLI STATI UNITI

Ti potrebbe interessare
Esteri / Ambasciata italiana a Mosca: “Italiani valutino se lasciare Russia”
Esteri / Germania: via al tetto al prezzo dell'energia, prevista spesa di 200 miliardi
Esteri / Donne in piazza: in Iran scoppia la rivoluzione del velo
Ti potrebbe interessare
Esteri / Ambasciata italiana a Mosca: “Italiani valutino se lasciare Russia”
Esteri / Germania: via al tetto al prezzo dell'energia, prevista spesa di 200 miliardi
Esteri / Donne in piazza: in Iran scoppia la rivoluzione del velo
Esteri / L’uragano Ian lascia al buio Cuba e devasta la Florida: più di due milioni di persone senza corrente elettrica
Esteri / Gasdotto Nord Stream, scoperta quarta falla. Svezia: “Quarta falla causata da esplosione”
Esteri / Il principe George avverte il compagno di classe: “Stai attento, mio padre sarà Re”
Esteri / Biden sulle elezioni in Italia: "Non c’è da essere ottimisti"
Esteri / Arabia Saudita: Mohammed bin Salman rimpiazza il padre e diventa Primo Ministro
Esteri / L’ambasciata Usa a Mosca ha chiesto ai cittadini americani di lasciare subito la Russia
Esteri / Minaccia nucleare, bando urgente di Mosca per l’acquisto di ioduro di potassio