Covid ultime 24h
casi +14.078
deceduti +521
tamponi +267.567
terapie intensive -43

Usa, polemiche sulle carenze nella sicurezza del Campidoglio: “Solo 350 soldati schierati”

Alcune criticità nella sicurezza hanno consentito ai manifestanti di entrare in Campidoglio

Di Anna Ditta
Pubblicato il 7 Gen. 2021 alle 16:21 Aggiornato il 7 Gen. 2021 alle 18:57
164
Immagine di copertina
Credit: EPA/WILL OLIVER

Una delle principali sedi del potere negli Stati Uniti, Capitol Hill, è stata violata senza grosse difficoltà dai manifestanti pro-Trump, che ieri sono riusciti a buttare giù le barricate ed entrare al Congresso americano, dove i parlamentari erano riuniti per certificare la vittoria di Joe Biden. Quattro persone, a seguito degli scontri, sono morte, e ora dovranno essere accertate le responsabilità di chi avrebbe dovuto proteggere quel luogo ed evitare che ciò avvenisse.

Dalla polizia di Washington alla Guardia Nazionale, fino ai responsabili politici e della sicurezza: negli Usa è già scoppiato un caso per far luce sulle carenze e negligenze del sistema di sicurezza, che evidentemente non ha funzionato, soprattutto perché gli estremisti pro-Trump avevano espresso chiaramente il loro intento sui social, quindi polizia, esercito e Fbi non potevano non sapere.

Iniziano quindi a emergere le prime criticità, ad esempio, il fatto che per la gestione della sicurezza della manifestazione – in programma da due mesi – erano stati schierati solo 350 soldati della Guardia Nazionale, dietro richiesta della sindaca di Washington Muriel Bowser. Solo dopo che i manifestanti sono riusciti ad entrare al Campidoglio sono stati inviati i 1.100 soldati aggiuntivi chiesti da Bowser in aggiunta. Peraltro – come ha svelato il New York Times – l’ordine di mobilitare i militari non proveniva da Trump, ma dal suo vice Mike Pence.

“Abbiamo pienamente attivato la Guardia Nazionale di Washington per aiutare le forze dell’ordine federali e locali ad affrontare pacificamente la situazione”, si è difeso Christopher Miller, ministro della Difesa ad interim. Ma Ryan McCarthy, il segretario all’esercito degli Stati Uniti, ha ammesso che c’è stata “un po’ di confusione” di fronte alla richiesta aggiuntiva di mobilitazione, e, per questo, ci sono voluti 30 minuti per inviare i soldati.

Un’organizzazione molto diversa rispetto a quella caratterizzata da ingenti misure di sicurezza in occasione della protesta degli attivisti di Black Lives Matter a Washington lo scorso giugno, dopo l’uccisione di George Floyd da parte di un agente di polizia. A gettare benzina sul fuoco è anche un video pubblicato in rete durante l’assalto al Campidoglio Usa, che mostra uno dei rivoltosi chiedere un selfie a un poliziotto, il quale si presta tranquillamente.

Il Campidoglio “doveva essere pesantemente presidiato dato che erano coinvolti gruppi estremisti con una storia di scontri violenti e non è stato fatto”, ha obiettato Charles Ramsey che ha guidato a lungo la polizia di Washington. “Non ho idea di come non fossero pronti per affrontare questa situazione, è incredibile”.

Leggi anche: 1. Veterana dell’aeronautica, sostenitrice di Trump e delle teorie di QAnon: chi era Ashli Babbitt, la donna uccisa nell’assalto al Congresso Usa /2. Cosa può succedere ora dopo i fatti di ieri al Congresso Usa /3. Ora non dite che sono solo quattro patrioti sballati (di G. Cavalli)

4. Il golpe di Trump (di Luca Telese) /5. Il giorno più buio dell’America (di Giulio Gambino) /6. Come il cospirazionismo può influenzare le elezioni Usa e perché il post voto può trasformarsi in un incubo

7. La democrazia Usa cancellata per qualche ora, ma il vero sconfitto è Trump (di Giampiero Gramaglia) / 8. Cos’è il 25esimo emendamento per rimuovere Trump /9. Il discorso di Trump, l’assedio armato, le vittime: cosa è successo al Congresso a Washington

Tutte le notizie sulle elezioni Usa 2020

164
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.