Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:36
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Usa, allarme bomba a Capitol Hill: presunto attentatore si arrende alla polizia. Chiedeva le dimissioni di Biden

Immagine di copertina
Immagine di repertorio. Credit: Ansa

La polizia di Washington DC, capitale degli Stati Uniti, ha arrestato un uomo che, a bordo di un pick-up nero, ha seminato il panico a Capitol Hill, dove era scattato un allarme bomba. “Il sospettato, Floyd Ray Roseberry, 49 anni, è stato arrestato”, riferisce sui social la U.S. Capitol Police, responsabile della difesa del complesso del Campidoglio statunitense.

Le immagini diffuse dai media mostrano l’uomo uscire dal veicolo e restare in ginocchio. L’allarme però non sembra completamente rientrato. Il capo della polizia di Capitol Hill, Thomas Manger, ha dichiarato che ci vorranno ore per bonificare il veicolo. Al momento, secondo i media, le autorità avrebbero infatti rinvenuto una o più bombole di gas propano all’interno del mezzo senza targa, parcheggiato vicino alla Biblioteca del Congresso.

Il presunto attentatore si è così arreso dopo oltre 5 ore di trattativa con gli agenti. Secondo il New York Times, l’uomo era già noto alle autorità americane. Durante diverse dirette su Facebook aveva criticato il governo federale e aveva annunciato la volontà di parlare con il presidente Joe Biden, di cui aveva chiesto le dimissioni.

“Pensavi che il sud non sarebbe arrivato. Bene, il momento di Joe Biden è arrivato. Le strade sono bloccate e sto aspettando la tua chiamata”, aveva detto Roseberry in uno di questi video. “Vieni qui e parla con me Joe, l’America è stanca”. L’uomo vive a Grover, nella zona meridionale della Carolina del Nord, lo Stato dove è nato. La casa del presunto attentatore è stata perquisita dalle forze dell’ordine, secondo cui l’uomo ha agito da solo. In una diretta Facebook durante i negoziati con la polizia Roseberry ha affermato: “La rivoluzione è iniziata”.

La polizia aveva transennato la zona ed evacuato gli uffici vicini alla Biblioteca del Congresso, nei pressi del Campidoglio e della Corte Suprema, anch’essa evacuata come il Cannon House Office Building. Questa settimana il Congresso è in ferie, mentre la Corte e la Biblioteca sono chiuse a causa della pandemia.

L’area era stata bloccata da vari veicoli delle forze dell’ordine. Sul campo sono stati schierati anche agenti del FBI e del Bureau of Alcohol, Tobacco, Firearms & Explosives. L’allarme di oggi segue di alcuni mesi il ritrovamento di un tubo bomba lasciato nella sede del Comitato nazionale democratico e del Comitato nazionale repubblicano a Washington un giorno prima che migliaia di manifestanti pro-Trump assaltassero il Congresso a gennaio.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Guerra Israele-Hamas, le ultime notizie | DIRETTA
Esteri / Papa Francesco: “L’ideologia del gender è il pericolo più brutto”
Esteri / Strage di civili a Gaza: il filmato dei palestinesi accalcati intorno ai camion degli aiuti
Ti potrebbe interessare
Esteri / Guerra Israele-Hamas, le ultime notizie | DIRETTA
Esteri / Papa Francesco: “L’ideologia del gender è il pericolo più brutto”
Esteri / Strage di civili a Gaza: il filmato dei palestinesi accalcati intorno ai camion degli aiuti
Esteri / Nella Striscia di Gaza si sta consumando una catastrofe umanitaria senza precedenti
Esteri / Putin: “L’Occidente rischia di provocare una guerra nucleare che devasterebbe la civiltà”
Esteri / Macron dopo la strage della farina: “Orrore a Gaza, cessate il fuoco subito e aiuti”. Borrell: "Inorridito da massacro"
Esteri / Putin minaccia l’Occidente: “Fa rischiare la guerra nucleare”
Esteri / Pena di morte in Usa, boia non trova la vena dopo 8 tentativi: stop all’esecuzione
Esteri / Gaza, 104 morti fra la folla in fila per la farina. Hamas: “Spari rischiano di far saltare negoziati”. Onu: “Crimini di guerra da entrambe le parti”
Esteri / Ungheria: “Sorprendono le interferenze italiane sul caso Salis”