Covid ultime 24h
casi +10.593
deceduti +541
tamponi +257.034
terapie intensive -49

Usa, 13 camion fanno da materasso a un uomo che voleva lanciarsi da un ponte

La polizia stradale ha pensato di salvare l'uomo con la soluzione di riunire i camion e creare una sorta di materasso

Di Clarissa Valia
Pubblicato il 29 Apr. 2018 alle 14:35 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 00:09
0
Immagine di copertina
I 13 camion allineati per creare una barriera sotto il cavalcavia per salvare l'uomo che voleva suicidarsi.

Nel Michigan, vicino a Detroit, tredici camionisti hanno salvato la vita a un uomo che voleva lanciarsi da un ponte autostradale.

I camion, con l’aiuto della Polizia di Stato del Michigan, hanno creato una sorta di materasso sull’autostrada I-696 di Detroit, vicino all’uscita Coolidge, per impedire a un uomo di saltare giù dal cavalcavia.

Diverse telefonate al numero delle emergenze hanno segnalato la presenza di un uomo che era su un ponte  dell’autostrada con l’evidente intenzione di suicidarsi.

L’autostrada I-696 era chiusa al traffico per lavori al momento del fatto e il traffico era stato deviato su una strada parallela.

La polizia stradale ha pensato di salvare l’uomo con la soluzione di  riunire i camion che transitavano sulla deviazione.

I camionisti interpellati dalla polizia per il soccorso hanno interrotto il loro viaggio e si sono parcheggiati tutti insieme sotto il cavalcavia per creare un materasso di salvataggio all’uomo.

Il portavoce della polizia Mike Shaw ha pubblicato un comunicato per ringraziare i camionisti anonimi del gesto di salvataggio e della collaborazione: “Un uomo sconosciuto, è stato salvato da tredici sconosciuti. Spero che se altre persone combattono con l’idea di togliersi la vita, ricorderanno che possono chiedere aiuto, e riceveranno aiuto».

Gli esperti della polizia e dei servizi di assistenza hanno dichiarato che l’uomo che ha tentato di gettarsi dal cavalcavia aveva gravi problemi familiari e che davvero voleva suicidarsi.

Il video del salvataggio

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.