Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:48
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Ungheria, i consiglieri vicini a Orbàn: “Troppe donne all’Università, un rischio per mascolinità e natalità”

Immagine di copertina

“Il fenomeno dell’istruzione rosa” che favorisce le donne in Ungheria potrebbe mettere in pericolo l’economia, abbassare il tasso di natalità e svantaggiare gli uomini. È quanto afferma uno studio presentato al parlamento ungherese dall’ufficio dei revisori dei conti statali – un watchdog del Parlamento considerato vicino al premier Viktor Orbàn – le cui conclusioni sono state pubblicate dal quotidiano Nepszava. Gli autori del report affermano che le donne sono sovrarappresentate nell’istruzione superiore ungherese e che un aumento delle laureate potrebbe renderle meno propense a sposarsi e ad avere figli.

Questo avviene in un momento in cui il governo sta cercando di rilanciare la natalità nel Paese: una delle iniziative lanciate di recente riguarda l’esenzione a vita dal pagamento dell’imposta sul reddito per le donne con quattro figli. Ma lo studio – riportato dal quotidiano the Guardian – sostiene che nell’ultimo decennio nelle università ungheresi si siano iscritte più donne che uomini – una percentuale che in autunno dovrebbe raggiungere il 54,5 per cento – e che nel frattempo gli studenti maschi hanno abbandonato in numeri sempre più elevati gli atenei. Inoltre secondo il documento nel sistema educativo ungherese sarebbero favoriti i “tratti femminili” come la maturità emotiva e sociale, un fatto che indebolirebbe l’uguaglianza sessuale.

I ricercatori hanno quindi avvertito che l’economia ungherese potrebbe essere messa a rischio se venissero sottovalutati i “tratti maschili” come le competenze tecniche, l’assunzione di rischi e l’imprenditorialità. Il rapporto ha suscitato aspre critiche da parte di diversi politici ungheresi e da esperti di diritti umani, in un Paese già nel mirino da tempo per le disuguaglianze di genere e per le leggi contrarie ai diritti delle persone Lgbtqi o che restringono il diritto all’aborto.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Liberato Baquer Namazi, ex responsabile Unicef detenuto in Iran insieme al figlio
Esteri / Lo stop del Cremlino al leader ceceno Kadyrov sull’uso dell’atomica: “Valutazioni obiettive ed equilibrate”
Esteri / Shock anafilattico dopo aver mangiato un burrito: i camerieri si rifiutano di chiamare i soccorsi e lui muore
Ti potrebbe interessare
Esteri / Liberato Baquer Namazi, ex responsabile Unicef detenuto in Iran insieme al figlio
Esteri / Lo stop del Cremlino al leader ceceno Kadyrov sull’uso dell’atomica: “Valutazioni obiettive ed equilibrate”
Esteri / Shock anafilattico dopo aver mangiato un burrito: i camerieri si rifiutano di chiamare i soccorsi e lui muore
Esteri / Quando Biden diceva: “Annettere alla Nato gli Stati Baltici sarebbe un errore”
Esteri / Perché la ragazza italiana Alessia Piperno è stata arrestata in Iran: il motivo del fermo
Esteri / Chi è Alessia Piperno, la travel blogger italiana arrestata in Iran
Esteri / Risposta Usa alle minacce nucleari russe: "Putin potrebbe prendere decisione irresponsabile"
Esteri / “In caso di attacco nucleare risponderemmo eliminando ogni forza russa in Ucraina”
Esteri / Burkina Faso: secondo golpe militare in un anno
Esteri / Proteste in Iran, Ong: “Uccise 92 persone”. Manifestanti rinchiusi nella Sharif University dalla polizia