Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Ucraina, tre possibili scenari che potrebbero coinvolgere la Nato in una guerra con la Russia

Immagine di copertina

I ministri Nato si sono incontrati a Bruxelles la settimana scorsa per discutere fino a che punto l’Alleanza debba inviare attrezzature in Ucraina. Il problema principale infatti, finora è stato proprio come fornire sostegno militare per la difesa senza farsi trascinare in un conflitto e trovarsi in guerra con la Russia. Ciò non ha impedito al governo ucraino di continuare a chiedere esplicitamente l’aiuto dell’Alleanza, richiedendo urgentemente all’Occidente l’invio di armi come l’arma anticarro leggera di nuova generazione Javelin o i missili antiaerei Stinger e Starstreak, che si sono rivelati di enorme importanza finora all’Ucraina per rallentare l’avanzata delle forze nemiche. La Nato ha promesso l’invio di tutte queste armi. L’Ucraina però ne vuole di più.

Ad oggi oltre 30 Paesi occidentali hanno fornito aiuti militari per oltre un miliardo di euro dall’Europa e 1,7 miliardi di dollari dagli Stati Uniti, tra cui armi, munizioni e attrezzature di difesa come i sistemi missilistici anticarro a antiaerei. Ma il presidente Volodymyr Zelensky vuole anche carri armati, aerei da combattimento, droni e sistemi missilistici antiaerei avanzati per contrastare il crescente uso della Russia di razzi a lunga gittata e raid aerei che stanno esaurendo rapidamente le scorte strategiche di carburante dell’Ucraina e altre risorse essenziali. Come scrive il corrispondente esperto di sicurezza della BBC, Frank Gardner, “la Nato sta esitando a fornire queste armi essenziali per timore di un’escalation del conflitto, in cui la Russia potrebbe ricorrere all’uso di armi nucleari tattiche – i.e. a corto raggio – o che la guerra si espanda oltre i confini ucraini coinvolgendo l’Europa intera”. La posta in gioco dunque, è estremamente alta.

Ecco tre possibili scenari in cui potrebbe precipitare la guerra, trascinandosi dietro la Nato:

  1. Un missile antinave fornito dalla Nato viene sparato dalle forze ucraine a Odessa e colpisce una nave da guerra russa ancorata a largo del Mar Nero, affondandola e uccidendo 100 marinai e una decina di Marines. Un simile bilancio di vittime in un colpo solo rappresenterebbe un caso senza precedenti e Putin, spingendolo a rispondere con un attacco ugualmente efficace.
  2. Un missile strategico russo colpisce un convoglio di rifornimento che trasporta attrezzature militari mentre attraversa un Paese Nato, come la Polonia o la Slovacchia, per raggiungere l’Ucraina. Se le vittime fossero numerose dal lato Nato del confine, l’attacco potrebbe far scattare potenzialmente l’articolo 5 della costituzione Nato, portando l’intera Alleanza a difendere il Paese attaccato e a dichiarare guerra.
  3. Nel corso di duri combattimenti nel Donbass avviene un’esplosione presso un impianto industriale che provoca la diffusione di gas chimici tossici nell’aria. Pur essendosi già verificata quest’eventualità in Ucraina, non sono state riportate vittime. Ma qualora dovessero esserci vittime di massa come già avvenuto in Siria con l’uso di gas letale a Ghouta, e l’incidente fosse causato deliberatamente dalle forze russe, la Nato sarebbe obbligata a rispondere.

È perfettamente possibile che uno qualsiasi di questi tre scenari accada realmente. Secondo quanto riferito alla BBC da uno dei massimi esperti tra gli ufficiali militari britannici, che ha preferito restare anonimo, nonostante le nazioni occidentali abbiano finora dimostrato un grado di coesione senza precedenti di fronte all’invasione russa, potrebbe darsi che si stiano limitando a gestire la crisi reagendo di volta in volta alla Russia, invece di pensare fino in fondo a una vera e propria strategia per mettere fine al conflitto.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Regno Unito, ospita rifugiata ucraina: lascia moglie e figli e scappa con lei
Esteri / Pakistan, due sorelle uccise “per onore” dai suoceri: volevano divorziare dai cugini
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky: "Situazione critica nel Donbass. Mosca ruba il grano". I russi intensificano gli attacchi. Francia: "15-20 anni per Kiev nell'Ue"
Ti potrebbe interessare
Esteri / Regno Unito, ospita rifugiata ucraina: lascia moglie e figli e scappa con lei
Esteri / Pakistan, due sorelle uccise “per onore” dai suoceri: volevano divorziare dai cugini
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky: "Situazione critica nel Donbass. Mosca ruba il grano". I russi intensificano gli attacchi. Francia: "15-20 anni per Kiev nell'Ue"
Esteri / Afghanistan, le giornaliste sfidano i talebani: in tv a viso scoperto
Esteri / Australia, i laburisti vincono le elezioni
Cinema / Cannes, donna in topless sul red carpet per protesta contro gli stupri in Ucraina | VIDEO
Esteri / Chi sono i tre italiani rapiti in Mali: Rocco Langone, Maria Caivano e il figlio Giovanni
Cultura / In Bielorussia il governo vieta il romanzo “1984” di George Orwell
Esteri / “Putin circondato dai medici, curato anche tra una riunione e l’altra”: le nuove voci sul suo stato di salute
Esteri / Sharm El Sheikh, bimba abruzzese di 13 mesi cade dal balcone e muore