Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 21:21
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Tutto quello che sappiamo per certo sugli attacchi di Bruxelles

Immagine di copertina

Il Procuratore federale belga Frederic van Leeuw ha tenuto una conferenza stampa per fare chiarezza circa le indagini in corso sugli attacchi di Bruxelles del 22 marzo

Il Procuratore federale belga Frederic van Leeuw ha tenuto una conferenza stampa per fare chiarezza intorno alle indagini in corso sugli attacchi di Bruxelles del 22 marzo. Ecco cosa ne è emerso: 

– il numero ufficiale delle vittime accertate finora è 31, sono invece 270 i feriti. 

– la prima bomba è scoppiata alle 7.58 al desk 11 dell’aeroporto di Zaventem, la seconda nove secondi dopo al desk 2. 

– i due attentatori suicidi responsabili degli attacchi all’aeroporto Zaventem e alla fermata metro Maelbeek sono stati individuati come i fratelli Khalid e Ibrahim el Bakraoui, tramite tracce di dna. 

– Khalid si è fatto esplodere nella metro, Ibrahim è invece uno dei tre attentatori di Zaventem, responsabile della prima esplosione. 

– il secondo attentatore dell’aeroporto non è stato identificato, mentre un terzo uomo, che dalle immagini appare vestito di bianco e che è fuggito dall’aeroporto prima dell’esplosione è ancora ricercato dalla polizia. Era stata diffusa la notizia che potesse trattarsi di Najim Laachraoui, poi smentita. 

– in un raid nel distretto Schaerbeek di Bruxelles nella notte tra il 22 e il 23 marzo, la polizia ha trovato 15 chilogrammi di esplosivo, 150 litri di acetone, 30 litri di acqua ossigenata, detonatori e una valigia con viti, chiodi e altre scatole di plastica. 

– entrambi i fratelli el-Bakraoui erano noti alle forze dell’ordine, ma non per crimini legati al terrorismo. 

– gli attentatori sono arrivati in aeroporto in taxi dal sobborgo di Schaerbeek. 

– durante una perquisizione in un appartamento di Schaerbeek la polizia ha trovato un computer contenente dei documenti scritti da Ibrahim el-Bakraoui, in cui il terrorista diceva che probabilmente la polizia lo stava cercando e che non voleva finire in carcere. 

– la squadra anti-terrorismo questa mattina ha fatto un blitz nell’area di Anderlecht, vicino Bruxelles, arrestando un uomo di cui non è stata diffusa l’identità. 

– la prima vittima identificata si chiama Adelma Tapia Ruiz, di 37 anni. Sono stati poi identificati Leopold Hecht e Olivier Delespesse.  

Ti potrebbe interessare
Esteri / Un messaggio in bottiglia ha unito due adolescenti attraverso l’Oceano Atlantico, a distanza di 3 anni
Esteri / “Le guardie libiche violentano le minorenni nei centri di detenzione”
Esteri / Svezia, sfiduciato il governo per la prima volta. Scontro sulla legge per liberalizzare gli affitti
Ti potrebbe interessare
Esteri / Un messaggio in bottiglia ha unito due adolescenti attraverso l’Oceano Atlantico, a distanza di 3 anni
Esteri / “Le guardie libiche violentano le minorenni nei centri di detenzione”
Esteri / Svezia, sfiduciato il governo per la prima volta. Scontro sulla legge per liberalizzare gli affitti
Esteri / “L’Unione Europea ha un piano per tagliare le serie tv britanniche da Netflix e Amazon”
Esteri / Cina, il Covid non ferma il festival di Yulin: “Trucidati migliaia di cani”
Esteri / Quell’umanità in fuga tra macerie e ricordi
Esteri / Un “caso Floyd” in Europa: vittima un uomo di etnia Rom
Esteri / L'obbedienza agli Usa non è una virtù: vuol dire essere succubi del capitalismo finanziario (di A. Di Battista)
Esteri / Marina Usa fa esplodere ordigno da 18mila chili in mare. Lo spettacolare video
Esteri / Francia, la destra moderata vince il primo turno delle regionali. Deludono Le Pen e Macron