Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:09
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Buttarsi sotto una macchina per abortire

Immagine di copertina

In Cile l'unico tipo di aborto legale è quello accidentale. Un'ong vuole cambiare la legge e per farlo ha girato finti tutorial su come abortire accidentalmente

“Quando siete a un incrocio, state attente al semaforo giallo: le macchine aumentano sempre la velocità per non fermarsi al rosso. Quando la luce passa dal verde al giallo, buttatevi”.

La protagonista di un filmato che fa parte di una serie di finti tutorial per l’aborto consiglia un metodo molto violento per abortire. In realtà lo fa perché nel suo Paese un metodo del genere è l’unico permesso per abortire.

In Cile, l’unico tipo di aborto legale dal 1989 ad oggi è infatti quello accidentale. Il divieto assoluto sull’aborto fu introdotto dal regime militare di Pinochet e rimane forte nel consenso popolare, essendo il Cile un Paese molto cattolico.

Il video fa parte di una serie di finti tutorial realizzati come parte di una campagna di sensibilizzazione sul tema dell’aborto promossa dall’organizzazione non governativa cilena Miles con l’hashtag #LEYabortoTERAPEUTICO.

 “Seghetta il tacco delle scarpe. Indossale ed esci per una passeggiata. Quando arrivi vicino a un idrante, ruota il piede, concentra il peso del tuo corpo sulla scarpa in modo che il tacco si rompa e cadi sull’idrante, colpendolo forte con la pancia”.

Questi finti tutorial servono a riaccendere il dibattito sull’argomento tabù dell’aborto, in sostegno alla proposta di legge presentata a gennaio dalla presidente cilena Michelle Bachelet, che vorrebbe consentire l’interruzione della gravidanza alle donne in pericolo di vita, che hanno subito abusi o il cui bambino non ha possibilità di sopravvivere.

Sarebbe un cambiamento radicale per il Cile, uno degli unici quattro paesi al mondo che proibiscono l’aborto in qualsiasi circostanza, secondo il Center for Reproductive Rights di New York.

La protagonista di un altro tutorial dice,
“Salite le scale come fate abitualmente. Arrivate in cima. Non vi girate a guardare, perché potreste pentirvi. Chiudete gli occhi, fate un respiro e lasciatevi cadere all’indietro”.

I video sono volutamente inquietanti e cupi. Lasciano trasparire la disperazione di quelle donne che non sono libere di decidere per il proprio corpo.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Proteste in Iran, la denuncia dei medici: “Le donne vengono colpite al volto, al seno e ai genitali”
Esteri / L’Europa si appresta a varare le regole sull’idrogeno verde: ecco perché le lobby sono già in agitazione
Esteri / Libera la cestista statunitense Brittney Griner: scambio di prigionieri con la Russia
Ti potrebbe interessare
Esteri / Proteste in Iran, la denuncia dei medici: “Le donne vengono colpite al volto, al seno e ai genitali”
Esteri / L’Europa si appresta a varare le regole sull’idrogeno verde: ecco perché le lobby sono già in agitazione
Esteri / Libera la cestista statunitense Brittney Griner: scambio di prigionieri con la Russia
Esteri / Iran, primo manifestante giustiziato dall'inizio delle proteste
Esteri / Putin rilancia l’allarme nucleare e ammette: “L’operazione in Ucraina potrebbe essere lunga”
Esteri / Caos in Perù: il Parlamento destituisce Castillo dopo il tentativo di sciogliere l’assemblea. Il presidente arrestato
Esteri / Guerra in Ucraina, Putin: “La Russia è pronta a difendersi con ogni mezzo”. Cresce la minaccia nucleare
Esteri / Il Time sceglie Zelensky come “persona dell’anno” per il 2022
Economia / La Francia vieta i voli brevi: via libera dell’Ue, ma solo se c’è il treno. In Italia a rischio tre tratte
Esteri / Commissione Ue: “Riconoscere i diritti dei genitori gay in tutti i Paesi membri”