Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 10:38
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Siria, la Germania proporrà alla Nato di creare una zona di sicurezza controllata dalle forze internazionali

Immagine di copertina
Credits: Pixabay

Siria, la Germania proporrà alla Nato di creare una zona di sicurezza controllata dalle forze internazionali

Il prossimo giovedì 24 ottobre la Germania proporrà al Consiglio dei ministri della Difesa della Nato di creare una zona di sicurezza nel nord della Siria controllata dalle forze internazionali.

Ad annunciarlo è stata ieri la ministra della Difesa tedesca e presidente della Cdu, Annegret Kramp-Karrenbauer, che parteciperà al consiglio Nato in programma a Bruxelles. La ministra ha però aggiunto che un’eventuale partecipazione delle Forze armate tedesche dovrebbe passare prima dal voto in Parlamento.

“Una soluzione al conflitto consiste nella creazione di una zona di sicurezza controllata a livello internazionale, con il coinvolgimento di Turchia e Russia, e con l’obiettivo di allentare la tensione nella regione. L’altro obiettivo da perseguire è la lotta alle milizie dell’Isis e la ricostruzione della regione, prerequisito per il ritorno in Siria dei rifugiati, ha proseguito la ministra”, ha dichiarato Kramp-Karrenbauer.

Il presidente della Turchia Erdogan e Vladimir Putin si incontrano a Sochi

Il Cremlino ha fatto sapere che intende studiare la proposta della Germania anche se il portavoce di Mosca Dmitri Peskov ha dichiarato che “non è stata formulata ancora una posizione su questo argomento”.

Rispetto alla richiesta della ministra l’Spd tedesco si è detto contrario.”Non era concordato con noi. Un solo ministero non può dare l’impronta della politica internazionale”, ha dichiarato il portavoce del partito socialdemocratico per la politica della Difesa Fritz Felgentreu.

Karrembauer aveva spiegato in un’intervista al canale televisivo Zdf di aver informato il ministro degli Esteri Heiko Maas tramite l’invio di un sms nel quale annunciava “che avrebbe fatto una proposta”, ma non è ancora chiaro se l’iniziativa sia stata concordata.

Tutte le ultime notizie sulla guerra in Siria
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa 2024, boom di donazioni per i democratici. Harris: “Batterò Trump”. Il tycoon attacca: “Biden è stato il peggiore della storia”
Esteri / Chi è Kamala Harris, la vicepresidente designata da Biden come candidata alla Casa Bianca
Esteri / Si infiamma il fronte Yemen: intercettato missile ribelli Houthi
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa 2024, boom di donazioni per i democratici. Harris: “Batterò Trump”. Il tycoon attacca: “Biden è stato il peggiore della storia”
Esteri / Chi è Kamala Harris, la vicepresidente designata da Biden come candidata alla Casa Bianca
Esteri / Si infiamma il fronte Yemen: intercettato missile ribelli Houthi
Esteri / Usa, l’annuncio di Joe Biden: “Mi ritiro dalla corsa e appoggio Kamala Harris come candidata democratica”
Esteri / Usa, l’indiscrezione del New York Times: “Biden non annuncerà l’eventuale ritiro prima della visita di Netanyahu”
Esteri / Yemen: gli Houthi rispondono al raid di Israele e attaccano una nave nel Mar Rosso
Esteri / Yemen: Israele ha bombardato il porto di Hodeidah controllato dagli Houthi
Esteri / Biden pronto all'addio dopo le pressioni dei democratici: "Potrebbe annunciarlo già nel fine settimana"
Esteri / Guasti informatici in tutto il mondo: aerei a terra e problemi a media e banche
Esteri / Attacco con drone a Tel Aviv vicino all'ambasciata Usa: 1 morto, diversi feriti. L'azione rivendicata dagli Houthi