Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 18:04
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Turchia, le elezioni comunali di Istanbul (perse da Erdogan) vanno ripetute

Immagine di copertina
Credit: Afp/Muhammed Enes Yildirim / Anadolu Agency

La Commissione elettorale suprema della Turchia (Ysk) ha deciso a maggioranza che le elezioni amministrative di Istanbul del 31 marzo scorso, che hanno sancito la storica sconfitta del partito del presidente Recep Tayyip Erdogan, dovranno essere ripetute.

Con una decisione non appellabile, i giudici hanno accolto i ricorsi per presunti brogli presentati dalle forze a sostegno di Erdogan. La notizia è riportata dall’agenzia di stampa pubblica turca Anadolu.

Le nuove elezioni potrebbero tenersi il 2 giugno, ma non c’è ancora l’ufficialità.

Le elezioni erano state vinte da Ekrem Imamoglu, candidato dell’opposizione con il Partito repubblicano popolare (Chp), che aveva inaspettatamente sconfitto Mehmet Ozhaseki, del Partito della giustizia e dello sviluppo (Akp) e fedelissimo del presidente Erdogan.

L’Akp e i suoi alleati nazionalisti del Mhp avevano chiesto di ripetere le votazioni parlando di presunte irregolarità che avrebbero condizionato il risultato.

Nelle scorse settimane le operazioni di voto erano state oggetto di indagini per la presenza nei seggi di persone legate all’imam Fethullah Gulen, accusato da Ankara di essere l’ispiratore del tentato colpo di stato del luglio 2016.

Anadolu parla, in particolare, di 43 funzionari vicini al movimento di Gulen.

“Non importa quanto torturino le schede: se c’è giustizia in questo paese, se ci sono leggi in questo paese, i risultati non cambieranno”, aveva dichiarato nei giorni scorsi il neo-sindaco Ozhaseki.

Il presidente del Chp, Kemal Kilicdaroglu, ha accusato il presidente Erdogan e il Mhp di aver tentato di esercitare pressioni politiche sulla Commissione elettorale per ordinare la ripetizione del voto. Erdogan ha respinto le accuse, dicendo che il suo partito stava solo esercitando i suoi diritti legali.

Elezioni in Turchia: il partito di Erdogan è primo, ma perde Ankara e Istanbul

Elezioni in Turchia: “Il tempo di Erdogan è finito: è ora che faccia i bagagli e se ne vada”

Turchia: eletto il primo sindaco comunista nella storia del paese

Ti potrebbe interessare
Esteri / “È un terrorista”: Tokyo, atleta iraniano accusato dopo l’oro nella pistola
Esteri / Donna di 60 anni ruba diamanti per 5 milioni di euro con un gioco di prestigio
Esteri / Donna israeliana dona un rene a un bambino di Gaza: “Ma la politica non c’entra”
Ti potrebbe interessare
Esteri / “È un terrorista”: Tokyo, atleta iraniano accusato dopo l’oro nella pistola
Esteri / Donna di 60 anni ruba diamanti per 5 milioni di euro con un gioco di prestigio
Esteri / Donna israeliana dona un rene a un bambino di Gaza: “Ma la politica non c’entra”
Esteri / Teologo musulmano critica i completi delle pallavoliste turche: “Siete sultani della fede, non dello sport”
Esteri / Variante Delta, Fauci: “Vaccinati o no, la contagiosità dei positivi è identica”
Esteri / Obbligo di vaccino per i dipendenti Google e Facebook
Esteri / A che punto è la crisi politica in Tunisia: Said licenzia 20 alti funzionari di governo
Economia / Effetto Covid, per tornare in ufficio i lavoratori londinesi chiedono un aumento di stipendio
Esteri / In Germania è iniziata ufficialmente la quarta ondata di Covid
Esteri / Influencer di giorno, narcotrafficante di notte: arrestata la 19enne "Miss Cracolandia"