Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

La Turchia bombarda i curdi in Siria e Iraq: “È arrivata l’ora della resa dei conti”

Immagine di copertina

“È arrivata l’ora della resa dei conti”: con questo messaggio, il ministro della difesa turco Hulusi Akar ha annunciato l’inizio di una serie di raid aerei lanciati da Ankara contro obiettivi curdi in Iraq e Siria. Nel mirino anche Kobane, la città che riuscì a resistere all’assedio delle forze dell’Isis e che fu riconquistata dai curdi nel gennaio 2015. Stando alle fonti turche, l’artiglieria sta cercando di distruggere le “basi militari” del Partito dei Lavoratori del Kurdistan e delle Unità di Protezione del Popolo, che Ankara ha etichettato come “terroristi” che progettano attacchi contro il Paese.

Dalla Siria invece denunciano che ad essere stati colpiti siano in realtà due villaggi, dove c’erano diversi civili. Sarebbero stati distrutti un ospedale, una centrale elettrica e un deposito di cereali. L’escalation arriva a una settimana dall’esplosione nelle vie del centro di Istanbul: le autorità turche hanno stabilito che l’attentatrice – che causò la morte di sei persone – ha agito su ordini dati da Koban. Nel comunicato del ministero turco si legge: “L’operazione viene condotta in conformità con i diritti alla legittima difesa contenuti nell’articolo 51 della Carta delle Nazioni unite e ha il fine di eliminare gli attacchi terroristi del nord dell’Iraq e della Siria, di garantire la sicurezza delle frontiere e di eliminare il terrorismo alla radice”. Stando ai dati diffusi dall’Osservatorio siriano per i diritti umani ci sarebbero quindici vittime, di cui nove membri delle Forze democratiche siriane e sei militari siriani. Ma secondo altre fonti il bilancio potrebbe essere più pesante: almeno quarantacinque morti, tra forze siriane e miliziani curdi.

Farhad Shami, portavoce delle Forze democratiche siriane, denuncia su Twitter la morte di un giornalista durante l’attacco: “L’occupazione turca sta prendendo di mira i giornalisti, cercando di coprire i suoi crimini”. In risposta, dalla Siria sono stati lanciati alcuni razzi che hanno ferito tre uomini delle forze di sicurezza turche.

Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce Radio Free Europe/Radio Liberty: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Bielorussia, morto in carcere oppositore di Lukashenko
Esteri / Russia, confermati gli arresti per il giornalista del Wsj Evan Gershkovich: resterà in carcere fino al 30 marzo
Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce Radio Free Europe/Radio Liberty: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Bielorussia, morto in carcere oppositore di Lukashenko
Esteri / Russia, confermati gli arresti per il giornalista del Wsj Evan Gershkovich: resterà in carcere fino al 30 marzo
Esteri / Putin regala un’auto di lusso a Kim Jong-Un in segno di “amicizia”
Esteri / Julian Assange, udienza decisiva: l'ultimo appello contro l'estradizione negli Usa
Esteri / Usa pongono il veto al Consiglio di sicurezza Onu sulla risoluzione dell'Algeria per una tregua nella Striscia. Israele, ministro Smotrich: riportare a casa gli ostaggi "non è la cosa più importante"
Esteri / Ucraina, media: “Gli Usa valutano la fornitura di missili a lungo raggio ATACMS a Kiev”
Esteri / Papua Nuova Guinea, scontri tra tribù rivali: almeno 49 morti
Esteri / Regno Unito: scatta il bando totale ai telefoni cellulari nelle scuole
Esteri / Le lettere di Navalny dal carcere: "Qui non è cambiato nulla dall'Urss"