Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:27
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Trump fa causa a Facebook, Twitter e Google: “Mi hanno censurato”

Immagine di copertina

Donald Trump ha annunciato una causa contro “i giganti del tech, Facebook, Google e Twitter, e contro i loro amministratori delegati, Mark ZuckerbergSundar Pichai Jack Dorsey”, accusati dall’ex presidente degli Stati Uniti di “censura illegale e incostituzionale”. A riferirlo è lo stesso Trump dal suo golf club di Bedminster, nel New Jersey

Secondo l’emittente televisiva vicina all’ex presidente, Fox News, contro i giganti della Silicon Valley il Tycoon vuole intentare una vera e propria “class action”, e cioè una causa legale per conto di un gruppo più ampio di persone per averlo “silenziato”, anche se non è chiaro chi altri sia coinvolto oltre a Trump. Ma il meccanismo è proprio delle cause che puntano a grandi risarcimenti economici.

Trump è stato bandito dai principali social statunitensi per aver diffuso messaggi incendiari in cui accusava i democratici di aver truccato i risultati delle elezioni presidenziali di novembre 2020: una propaganda che ha portato alla rivolta senza precedenti del 6 gennaio a Capitol Hill, in cui i suoi seguaci hanno invaso il Congresso americano, minacciando la sicurezza di deputati e senatori. Dopo l’assalto anche Google ha bloccato dei contenuti legati ai sostenitori del presidente e ha tolto Parler – social media usato da utenti conservatori – dal suo negozio di app.

Una mossa che, secondo Trump, avrebbe l’obiettivo di “silenziare la voce dei conservatori”: La causa legale dell’ex presidente è stata resa possibile da una legge approvata a maggio in Florida, che permette ai politici sospesi dai social di citare in giudizio le compagnie. Questa normativa è però destinata ad entrare in conflitto con quanto stabilito dalla Costituzione: la scorsa settimana un giudice federale della Florida, infatti, ha definito la legislazione un “tentativo di costringere le piattaforme social a ospitare discorsi politici”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Pedofilia, quasi 500 vittime di abusi nella diocesi di Monaco. Ratzinger non agì di fronte a 4 casi
Esteri / “Fateci pagare più tasse”: l’appello di cento super ricchi ai grandi della terra
Esteri / Djokovic ha comprato l’80% di un’azienda che lavora a una cura per il Covid
Ti potrebbe interessare
Esteri / Pedofilia, quasi 500 vittime di abusi nella diocesi di Monaco. Ratzinger non agì di fronte a 4 casi
Esteri / “Fateci pagare più tasse”: l’appello di cento super ricchi ai grandi della terra
Esteri / Djokovic ha comprato l’80% di un’azienda che lavora a una cura per il Covid
Esteri / Regno Unito, Johnson annuncia la fine delle restrizioni: ma la pandemia corre ancora
Esteri / Eruzione Tonga, Nasa: “500 volte più potente della bomba atomica su Hiroshima”
Esteri / Tonga: arrivano i primi aiuti dopo l’eruzione, ma le autorità temono che i soccorritori possano portare uno “tsunami di Covid”
Esteri / Nizza, spari in centro durante un blitz della polizia: un morto
Esteri / Gerusalemme, primo sfratto da cinque anni a Sheikh Jarrah: Israele demolisce la casa di una famiglia palestinese
Esteri / Ucraina, Blinken invita Putin a scegliere una via pacifica
Esteri / Arrestati in Congo gli assassini dell’ambasciatore Attanasio. “Volevano rapirli”