Trump elogia le armi: “Hanno evitato una strage nella chiesa in Texas”

A pochi giorni dalla sparatoria in una chiesa in Texas, dove un uomo ha ucciso due fedeli prima di essere freddato da un uomo in possesso di un'arma, il presidente Usa dice la sua su Twitter

Di Carmelo Leo
Pubblicato il 31 Dic. 2019 alle 15:46 Aggiornato il 31 Dic. 2019 alle 15:46
175
Immagine di copertina

Trump elogia le armi: “Evitata una strage nella chiesa in Texas”

A meno di due giorni dall’attentato in una chiesa a White Settlement, in Texas, Donald Trump è intervenuto sulla questione, facendo un elogio pubblico delle armi: “Vite umane sono state salvate da eroi e grazie alle leggi del Texas che gli permettono di avere armi con loro”, ha scritto il presidente degli Stati Uniti su Twitter.

Il riferimento è alla sparatoria avvenuta il 29 dicembre scorso in una chiesa di un sobborgo di Fort Worth, in Texas. Un uomo, Keith Thomas Kinnunen, ha aperto il fuoco su due fedeli (Anton “Tony” Wallace, 64 anni, e Richard White, 67 anni) uccidendoli, prima di essere a sua volta freddato da un terzo membro della chiesa, Jack Wilson.

“Le nostre preghiere – ha scritto ancora Trump su Twitter – sono con le famiglie delle vittime e la congregazione dell’attacco alla chiesa di ieri. Tutto è finito in 6 secondi grazie ai coraggiosi parrocchiani che hanno agito per proteggere 242 compagni di culto”.

Il presidente americano, da sempre un aperto sostenitore della libera vendita delle armi in Usa, ha poi rincarato la dose: “Se non fosse per il fatto che all’interno della chiesa c’erano persone armate e molto abili nell’usare la loro arma, il risultato finale dell’attentato sarebbe stato catastrofico”.

Leggi anche:

Perché la lobby delle armi negli Usa è in crisi (e in Italia invece no)

Usa, Trump e l’uso di armi: “Sono le persone a premere il grilletto, non le pistole”

175
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.