Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:10
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Trump cambia di nuovo vertice al suo team elettorale

Immagine di copertina

Il candidato repubblicano vuole dare nuovo slancio alla campagna elettorale: in arrivo come consulente per i dibattiti televisivi dell'ex boss di Fox News Roger Ailes

Il candidato repubblicano alla Casa Bianca Donald Trump cambia di nuovo il vertice del suo team elettorale. Pollster Kellyanne Conway assume il ruolo di manager della campagna elettorale e Stephen Bannon è il nuovo direttore generale.

É la seconda volta in due mesi che il magnate sostituisce i vertici della sua squadra elettorale. Dopo la fine della convention del partito, il mese scorso, Trump ha visto il suo gradimento tra gli elettori diminuire e a 82 giorni dalle elezioni presidenziali a novembre tenta con questa mossa di dare nuovo slancio alla campagna elettorale.

“Conosco entrambi da molto tempo. Sono persone terribili, sono vincenti, sono campioni e noi dobbiamo vincere”, ha spiegato Donal Trump all’agenzia stampa Associated Press.

In arrivo anche un altro pezzo da novanta nella campagna elettorale del candidato repubblicano: è Roger Ailes, per anni braccio destro di Rupert Murdoch e boss della Fox News, recentemente travolto da accuse di molestie sessuali nei confronti di diverse star della rete e quindi licenziato e adesso assunto da Donald Trump come consulente.

Secondo quanto riferisce il New York Times, Ailes in particolare sarà l’uomo che preparerà il candidato repubblicano alle sfide dirette in tv con la rivale democratica Hillary Clinton.

Ailes ha un’esperienza decennale nella consulenza politica televisiva: è stato infatti consulente nella campagna elettorale di tre presidenti repubblicani: Richard Nixon nel 1967, Ronald Regan nel 1984 e George H. Bush nel 1988.

Tuttavia, nonostante le critiche anche all’interno del partito repubblicano per i toni duri e sprezzanti della retorica di Trump, il magnate non sembra intenzionato a cambiare stile nella campagna elettorale.

“Mi conoscete, sono quello che sono. Non voglio cambiare. Se inizi a cambiare, non sei onesto con i tuoi elettori. Devi essere te stesso”, ha detto martedì 16 agosto durante una discorso in Wisconsin.

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Giulio Regeni ucciso per una rivalità tra servizi segreti”: le rivelazioni di un’inchiesta francese
Esteri / Comprò voti per portare le Olimpiadi a Rio de Janeiro: Nuzman condannato a 30 anni di carcere
Cronaca / Russia, incidente in una miniera di carbone in Siberia: 52 morti
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Giulio Regeni ucciso per una rivalità tra servizi segreti”: le rivelazioni di un’inchiesta francese
Esteri / Comprò voti per portare le Olimpiadi a Rio de Janeiro: Nuzman condannato a 30 anni di carcere
Cronaca / Russia, incidente in una miniera di carbone in Siberia: 52 morti
Esteri / Covid, la nuova variante Omicron è arrivata in Europa: primo caso rilevato in Belgio
Esteri / Dalla Germania alla Cina: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Corea del Nord: condannato a morte per aver importato una copia di Squid Game
Esteri / Le storie dei lavoratori che sfidano Amazon nel giorno del Black Friday
Cronaca / Sudafrica, rilevata nuova variante Covid-19: “Minaccia grave”
Esteri / Iran, uccise la fidanzata a 17 anni: impiccato 25enne. Amnesty: “Ha confessato sotto tortura”
Esteri / La nuova Germania di Olaf Scholz: lotta alla crisi climatica, salario minimo e cannabis legalizzata