Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:12
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Thailandia: i genitori gli tolgono il wifi. Lui li avvelena

Immagine di copertina

Thailandia: i genitori gli tolgono il wifi. Lui li avvelena

Thailandia avvelena genitori dopo wifi staccato – Non ne potevano più di vedere il proprio figlio trascorrere gran parte del suo tempo davanti ai videogame e così hanno pensato bene di staccare il wi-fi, senza considerare la reazione del ragazzo, che ha tentato di avvelenarli.

L’incredibile vicenda è accaduta a Sisaket, in Thailandia, e ha visto protagonista Sak Duanjan, di 29 anni.

Tornato a casa a notte fonda e ubriaco, il ragazzo ha cominciato a giocare a un videogame installato sul suo smartphone ad alto volume.

Esasperati nel vedere nuovamente il figlio con gli occhi incollati sul videogioco e desiderosi di andare a dormire, i genitori di Sak hanno deciso di spegnere il wi-fi.

Questo ha provocato la reazione rabbiosa del ragazzo, che ha provato addirittura ad aggredire il patrigno, Chakri Khamruang di 52 anni, il quale è stato costretto a difendersi, picchiandolo.

Sak, così, ha finto di andare a dormire, ma in realtà è sceso per strada dove ha avvelenato la riserva idrica della sua abitazione con del pesticida.

La madre del ragazzo, però, ha notato i movimenti del figlio e il giorno seguente, quando è andata a prendere l’acqua per cucinare, ha avuto la conferma che Sak aveva avvelenato il pozzo.

A quel punto i genitori non hanno potuto fare altro che avvertire la autorità locali, alle quali il ragazzo ha ammesso di aver messo il pesticida nel pozzo perché arrabbiato con il padre, che gli aveva impedito di giocare con il suo smartphone.

Dopo questo fatto, il ragazzo è stato ricoverato in una clinica, dove riceverà delle cure volte a placare e gestire la sua rabbia.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Strage in Texas, parla il papà del killer: “Avrebbe dovuto uccidere me”
Esteri / Strage in Texas, morto d'infarto il marito di una delle due insegnanti uccise
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky sente Draghi: "Sblocchiamo porti insieme". Cremlino: negoziati sospesi su decisione di Kiev
Ti potrebbe interessare
Esteri / Strage in Texas, parla il papà del killer: “Avrebbe dovuto uccidere me”
Esteri / Strage in Texas, morto d'infarto il marito di una delle due insegnanti uccise
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky sente Draghi: "Sblocchiamo porti insieme". Cremlino: negoziati sospesi su decisione di Kiev
Esteri / Un nuovo Commonwealth con i Paesi europei più ostili alla Russia: il piano di Boris Johnson
Esteri / Muskgate: l’accusa di molestie e il giallo dei 250mila dollari pagati da SpaceX
Esteri / L’Oklahoma approva la legge contro l’aborto: è la più restrittiva degli Usa
Esteri / La disperata fuga in auto sulle strade del Donbass tra le bombe dei russi
Esteri / Guerra in Ucraina, Lavrov, il piano di pace italiano "non è serio". L'Italia revoca 4 onorificenze ai russi "per indegnità"
Esteri / Strage in Texas, chi è Salvador Ramos: il killer che ha sparato a scuola uccidendo 19 bambini
Esteri / Dopo 11 anni, una consulente di Shell si dimette e accusa l’azienda: “Ha causato danni estremi all’ambiente”