Esiste una tecnica respiratoria per addormentarsi in un minuto

Un professore della University of Arizona ha sviluppato un metodo che riduce lo stress e la tensione nel corpo, e permette di addormentarsi in soli 60 secondi

Di TPI
Pubblicato il 23 Mar. 2016 alle 15:54 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 03:08
1
Immagine di copertina

Come chiunque soffra d’insonnia potrà confermare, non riuscire a dormire può essere tra le cose più frustranti al mondo, e sono molti i metodi possibili per tentare di abbandonarsi al sonno senza aspettare troppo tempo svegli.

Anche chi non dovesse regolarmente fare fatica ad addormentarsi, avrà provato almeno una volta in vita sua la sensazione di voler recuperare le forze con un sonno rigenerante, ma non riuscire a chiudere occhio, finendo per ricorrere a metodi antichi come il famoso “contare le pecore”.

Una tecnica poco nota ma efficace potrebbe però essere quella del dottor Andrew Weil, dell’Arizona Centre for Integrative Medicine, che ha sviluppato un metodo che richiede pochissimo tempo e nessun accessorio esterno.

Si tratta della tecnica di respirazione 4-7-8, pubblicizzata dal suo inventore come un “tranquillante naturale per il sistema nervoso”, che riduce lo stress
e la tensione nel corpo e permette di addormentarsi in soli 60 secondi. Ma come funziona?

Questi i passi da seguire:

1. Prima di iniziare, posizionare la punta della lingua sul palato, appena sopra i denti, e tenerla in quella posizione per tutta la durata dell’esercizio.

2. Espirare completamente attraverso la bocca con una certa forza, in modo da emettere una sorta di sibilo.

3. Chiudere la bocca e inspirare dolcemente attraverso il naso contando mentalmente fino a quattro.

4. Trattenere il respiro contando fino a sette.

5. Espirare completamente attraverso la bocca per otto secondi, emettendo un altro sibilo.

6. Inspirare di nuovo e ripetere il ciclo altre tre volte, per un totale di quattro respiri.

Qui lo stesso dr. Weil illustra la sua tecnica:

1
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.