Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:57
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Un suprematista bianco condannato a morte negli Stati Uniti

Immagine di copertina

Frazier Glenn Miller aveva ucciso tre persone di religione ebraica nel 2014 in Kansas

Frazier Glenn Miller Jr., di 74 anni, è stato condannato a morte per l’assassinio di tre persone dal tribunale della contea di Johnson, in Kansas, negli Stati Uniti. Sarà giustiziato con iniezione letale.

L’uomo è un suprematista bianco, conosciuto anche col nome di Frazier Glenn Cross. I suprematisti sono coloro che credono nella supremazia dei bianchi.

Nel 2014 ha ucciso un uomo, William Corporon, e suo nipote, Reat Griffin Underwood, vicino a un centro per la comunità ebraica e una donna, Terri LaManno, all’uscita di una casa di riposo ebraica. 

Era stato dichiarato colpevole per omicidio, aggressione e possesso di armi e punibile con la pena capitale.

Miller si era difeso da solo di fronte al giudice e aveva risposto alla sentenza con il saluto nazista “Heil Hitler”.

Aveva inoltre motivato i tre omicidi sostenendo che “gli ebrei vanno uccisi perché hanno troppo potere”. Prima di togliere la vita alle tre vittime aveva partecipato alla formazione di diversi gruppi inneggianti la superiorità della razza bianca.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Canada, Trudeau perde la scommessa delle elezioni anticipate: liberali al governo senza maggioranza
Esteri / India, sequestrate tre tonnellate di eroina proveniente dall’Afghanistan
Esteri / Usa: marito e moglie No vax muoiono di Covid, dicevano che il vaccino è “un attacco ai diritti umani”
Esteri / Usa, il video shock degli agenti che frustano migranti al confine con il Messico
Esteri / La donna che sfida i talebani: “Mentre tutti scappano dall’Afghanistan, io ho scelto di rimanere per lottare”
Esteri / Russia, sparatoria all’università di Perm: gli studenti scappano dalle finestre. 8 morti
Esteri / Vince il partito di Putin. Timori su possibili brogli