Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Proteste in Sudan per chiedere lo scioglimento del partito di Bashir

Immagine di copertina
L'ex presidente del Sudan Omar al-Bashir

L'ex presidente Bashir è stato in carica per 30 anni. Lo scorso aprile è stato deposto da un colpo militare.

In Sudan proteste per chiedere lo scioglimento del partito di Bashir

Migliaia di manifestanti sono scesi in piazza, ieri, lunedì 21 ottobre 2019, in Sudan, per chiedere lo scioglimento del partito dell’ex presidente Omar al-Bashir. Il presidente è stato in carica per 30 anni fino allo scorso aprile, quando è stato deposto da un colpo di stato militare. Il gruppo politico di cui fa parte Bashir è il Partito del Congresso Nazionale.

L’agenzia di stampa Associated Press riferisce che non vi sono notizie di scontri con la polizia o vittime nel corso delle manifestazioni. Tra le richieste delle persone scese nelle strade, che hanno scatenato le proteste in Sudan, quella di un’indagine indipendente sulle violenze che hanno caratterizzato lo sgombero del sit-in di protesta da parte delle forze di sicurezza, lo scorso giugno.

Sempre ieri, il primo ministro del Sudan, Abdalla Hamdok, ha svelato i membri della commissione incaricata di indagare sulla violenta repressione: a guidarla sarà l’avvocato esperto in diritti umani Nabil Adib. Nelle ultime ore il governo di Khartoum ha anche firmato un documento che sancisce la fine delle ostilità con il Fronte rivoluzionario, che comprende una serie di movimenti armati coinvolti nei conflitti nelle regioni del Nilo Azzurro, del Kordofan meridionale e del Darfur.

Sudan, firmato l’accordo per la transizione tra i militari e l’opposizione
Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce il Moscow Times: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Come sarebbe il mondo con un Trump bis
Esteri / Cosa rivelano sull’America le proteste alla Columbia University contro la guerra nella Striscia di Gaza
Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce il Moscow Times: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Come sarebbe il mondo con un Trump bis
Esteri / Cosa rivelano sull’America le proteste alla Columbia University contro la guerra nella Striscia di Gaza
Esteri / Il precedente Eagleton: quando il senatore democratico rinunciò alla corsa alla vicepresidenza degli Usa
Esteri / Altri quattro anni? Cosa succederebbe se Joe Biden vincesse le elezioni presidenziali negli Stati Uniti
Esteri / Reportage TPI – Così il turismo si è mangiato il Costa Rica
Esteri / Iran: Usa condannati a pagare quasi 6,8 mld dlr per gli effetti delle sanzioni sui pazienti affetti da una malattia rara
Esteri / Orban incontra Trump: “Abbiamo discusso di pace: risolverà tutto lui” | VIDEO
Esteri / Nuova gaffe di Biden, al vertice Nato presenta Zelensky chiamandolo Putin
Esteri / Gaza: 32 morti in 70 raid dell'Idf. Media: "4 operatori umanitari stranieri uccisi in un raid a Rafah". Biden assicura: "Progressi verso un accordo di tregua". Media: "Passi avanti sulla riapertura del valico di Rafah". Ma l'ufficio di Netanyahu smentisce: “Nessun ritiro delle truppe dal confine". Hamas vuole una garanzia scritta che la guerra non riprenderà dopo la liberazione degli ostaggi. Il 19 luglio la Corte de L'Aja si pronuncerà sulle conseguenze giuridiche dell'occupazione dei Territori palestinesi