Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:21
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Le studentesse di Bristol che raccontano su Snapchat le molestie sessuali subite

Immagine di copertina

Le ragazze parlano di stupri, violenza fisica e verbale, molestie, tocchi non graditi. Hanno tutte un tratto in comune: la paura di denunciare

Le molestie sessuali sono una realtà quotidiana di tantissime donne, che spesso decidono di ignorare l’accaduto e andare avanti. Quello che invece Hannah Price, studentessa dell’Università di Bristol e online editor del giornale studentesco Epigram, ha voluto fare è stato proprio ribellarsi e raccontare la sua storia. E con lei molte altre ragazze della stessa università.

La novità sta nel fatto che il mezzo di comunicazione usato per raccontare quanto successo è stato un social network molto popolare fra i giovani: Snapchat.

I video su Snapchat, in realtà, scompaiono dopo 24 ore, ma Hannah Price ha deciso di raccoglierli in modo da conservare le testimonianze. Alcune ragazze mostrano il proprio volto, altre decidono di coprirlo con delle emoticon, che su Snapchat spesso vengono usate per decorare il video, ma che in questo caso proteggono la persona e ne garantiscono l’anonimato.

Le storie sono diverse, più o meno intense, ma tutte raccontano di molestie sessuali subite: parlano di stupri, violenza fisica e verbale, molestie, tocchi non graditi. In quasi tutte ritorna un argomento comune: la paura di denunciare, perché spesso si tratta di conoscenti, persone con cui si è in confidenza o che si trovano in una posizione lavorativa più alta.

In questo caso, le studentesse di Bristol hanno deciso di rompere il muro del silenzio e, a giudicare dall’esito della loro “campagna”, hanno fatto bene. Molti sono i commenti positivi che hanno ricevuto.

“In poche ore dall’uscita del video sono stata contattata da un ragazzo dell’università che voleva raccontarmi che si era commosso per la campagna e ringraziarmi per aver dato voce alla problematica”, racconta Hannah.

Nel Regno Unito una donna su cinque ha subito molestie sessuali. Il video di Hannah e delle studentesse di Bristol ne è solo una piccola parte, ma si fa sentire forte e chiaro.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Esteri / Regno Unito, 61 persone bloccate in un pub sommerso dalla neve: “Per fortuna abbiamo molta birra” | VIDEO
Ti potrebbe interessare
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Esteri / Regno Unito, 61 persone bloccate in un pub sommerso dalla neve: “Per fortuna abbiamo molta birra” | VIDEO
Cronaca / Variante Omicron, l’Oms: “Rischio elevato, possibili gravi conseguenze”
Esteri / Repubblica Ceca, la nomina del nuovo primo ministro è a prova di Covid | VIDEO
Esteri / Disney+ sbarca a Hong Kong, la censura elimina l’episodio dei Simpson su Piazza Tiananmen
Esteri / Il business del plasma: quanto guadagnano gli Usa dal sangue dei più poveri
Esteri / Inchiesta “Oro liquido”: il prezzo del commercio di sangue nell’America degli ultimi
Esteri / Vietato dire Natale: le linee guida per la “comunicazione inclusiva” dell’Ue
Esteri / Il nuovo capo dell’Interpol è Ahmed Naser al-Raisi, un generale accusato di torture e arresti arbitrari