Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:21
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

La studentessa statunitense premiata come la più probabile a diventare una terrorista

Immagine di copertina

In una scuola del Texas, a Lizeth Villanueva è stato consegnato uno strano riconoscimento. Era uno scherzo degli insegnanti, ma il risultato ha generato polemiche

Il 23 maggio Lizeth Villanueva, studentessa 13enne di origini salvadoregne, si è vista consegnare uno strano riconoscimento nella scuola che frequenta a Houston, in Texas. Il premio è uno dei tanti che quel giorno gli insegnanti hanno consegnato agli alunni, all’interno di un evento che voleva essere una presa in giro. Ma che è diventato immediatamente un caso.

Lizeth, studentessa modello che ha seguito il programma “Academic Honor” per due anni, ha ricevuto il premio “Most likely to become a terrorist” (“Colei che ha più possibilità di diventare una terrorista”). Mentre altri ragazzini sono stati premiati come i “Most likely to cry for every little thing” (“Quella che piange per ogni piccola cosa”) o “Most likely to become homeless” (“Con più possibilità di diventare un barbone”). Solo Lizeth ha deciso di denunciare l’accaduto.

Il riconoscimento, dato pochi giorni dopo l’attentato di Manchester, non ha scatenato in lei e nei suoi compagni alcuna reazione di ilarità. “Terrorista è una parola seria. Abbiamo appena visto l’attentato al concerto di Ariana Grande, e loro ci scherzano su. Non è qualcosa su cui si può scherzare”, afferma Lilizeth, come riportato dall’Indipendent.

Anche sua madre, Ena Hernandez, non ha gradito lo scherzo. “Ero veramente seccata e arrabbiata quando ho visto il premio ricevuto da mia figlia”, ha dichiarato la donna al Washington Post.

Il portavoce della scuola Mark Kramer ha cercato di attutire il colpo. “È stato un modo per far ridere, ma non era ben pensato”, ha dichiarato. La scuola manda le proprie scuse ai genitori, questi ultimi e il popolo del web si mobilitano, commentando negativamente la vicenda sui social.

Anche i genitori più comprensivi hanno notato come lo scherzo fosse fuori luogo e senza senso. “Scherzare qui e lì, ma con tutto quello che sta succedendo ora, non è un modo di creare una situazione divertente”, ha dichiarato Erik Mendez, uno dei genitori della scuola.

Al di là della sola vicenda di Lizeth, ciò che più stupisce e rattrista è che si sia cercato di far ridere attraverso i punti di debolezza di ragazzi di 12-13 anni, ironizzando su problematiche serie oggi più che mai.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Esteri / Regno Unito, 61 persone bloccate in un pub sommerso dalla neve: “Per fortuna abbiamo molta birra” | VIDEO
Ti potrebbe interessare
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Esteri / Regno Unito, 61 persone bloccate in un pub sommerso dalla neve: “Per fortuna abbiamo molta birra” | VIDEO
Cronaca / Variante Omicron, l’Oms: “Rischio elevato, possibili gravi conseguenze”
Esteri / Repubblica Ceca, la nomina del nuovo primo ministro è a prova di Covid | VIDEO
Esteri / Disney+ sbarca a Hong Kong, la censura elimina l’episodio dei Simpson su Piazza Tiananmen
Esteri / Il business del plasma: quanto guadagnano gli Usa dal sangue dei più poveri
Esteri / Inchiesta “Oro liquido”: il prezzo del commercio di sangue nell’America degli ultimi
Esteri / Vietato dire Natale: le linee guida per la “comunicazione inclusiva” dell’Ue
Esteri / Il nuovo capo dell’Interpol è Ahmed Naser al-Raisi, un generale accusato di torture e arresti arbitrari