Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:14
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Strage di Buffalo, anche Luca Traini tra i modelli citati dal 18enne suprematista bianco

Immagine di copertina

Strage di Buffalo, anche Luca Traini tra i modelli citati dal 18enne suprematista bianco

Anche Luca Traini è stato citato tra i modelli dell’autore della strage di Buffalo, dove ieri un suprematista bianco di 18 anni ha aperto il fuoco in un supermercato, uccidendo dieci persone. “Un atto di terrorismo interno”, lo ha definito il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, parlando di “un crimine ripugnante e motivato dall’odio razziale perpetrato in nome della disgustosa ideologia del nazionalismo bianco”. Tra le persone colpite nella sparatoria, che ha causato tre feriti oltre alle dieci vittime, ben 11 sono afroamericane, secondo quanto dichiarato dalla polizia di Buffalo. Per la seconda città dello stato di New York potrebbe trattarsi della più grave strage nella sua storia.

L’attentato compiuto dal 18enne Payton Gendron, si inserisce in un lungo elenco di stragi compiute (o tentate) negli ultimi anni in nome del suprematismo bianco, giustificate di volta in volta da teorie riconducibili alla galassia dell’estrema destra, come quella di un preteso scontro tra razze. A legare il suo nome ad altre azioni sanguinarie compiute da esponenti ultranazionalisti o fascisti è lo stesso Gendron, che in manifesto pubblicato online ha citato diversi attentatori, da Anders Breivik a Brenton Tarrant, autore della strage di Christchurch. Tra questi anche l’italiano Luca Traini, che nel 2018 aprì il fuoco davanti alla stazione di Macerata, ferendo sei persone, tutte di origine sub-sahariana, oltre a colpire la sede locale del Partito democratico. Il tentativo di strage, avvenuto durante la campagna elettorale del 2018, aveva ricevuto il sostegno di Forza Nuova (“Oggi noi ci schieriamo con Luca Traini”) mentre la Lega, di cui Traini era stato candidato, aveva chiamato in causa “l’immigrazione fuori controllo”. “È chiaro ed evidente che un’invasione come quella organizzata, voluta e finanziata in questi anni, porta allo scontro sociale”, aveva detto Matteo Salvini, dopo aver specificato che “chiunque spari è un delinquente”. Traini è stato condannato in via definitiva a 12 anni di reclusione, per tentata strage aggravata dall’odio razziale.

Ti potrebbe interessare
Esteri / L’ex presidente ucraino Poroshenko a TPI: “L’Ue non ci basta, ora vogliamo la Nato. Putin? È un criminale”
Esteri / Covid, Kim Jong-un: “Il virus è stato mandato dalla Corea del Sud con i palloncini”
Esteri / Covid trasmesso da gatto all’uomo: il primo caso documentato
Ti potrebbe interessare
Esteri / L’ex presidente ucraino Poroshenko a TPI: “L’Ue non ci basta, ora vogliamo la Nato. Putin? È un criminale”
Esteri / Covid, Kim Jong-un: “Il virus è stato mandato dalla Corea del Sud con i palloncini”
Esteri / Covid trasmesso da gatto all’uomo: il primo caso documentato
Esteri / Guerra in Ucraina, missili su palazzo a Odessa: salgono a 19 le vittime. Mosca: la Nato è tornata a logiche da guerra fredda
Esteri / Nato, nuova gaffe di Biden: il presidente Usa confonde la Svezia con la Svizzera
Esteri / “Per noi è come una violenza sessuale”: a TPI parlano le donne americane a cui è stato tolto il diritto all’aborto
Esteri / Empowerment e agricoltura sostenibile: così le donne rivendicano i propri diritti nella Striscia di Gaza
Esteri / Putin: “Truppe Nato in Finlandia e Svezia? Risponderemo”
Esteri / Guerra in Ucraina, la Russia annuncia il ritiro dall'Isola dei Serpenti. Biden: sosterremo Kiev fino alla fine
Esteri / Viaggio a Suwałki: “Il posto più pericoloso del mondo”. Il reportage di TPI