Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:37
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

L’inviata del Tg1 Stefania Battistini fermata in diretta dalle forze speciali ucraine

Immagine di copertina

Momenti di tensione per l’inviata della Rai in Ucraina Stefania Battistini. La giornalista, a Dnipro insieme agli operatori di ripresa Simone Traini e Mauro Folio, era pronta per il collegamento con UnoMattina quando agenti delle forze speciali ucraini sono entrati improvvisamente nella sua stanza d’albergo. Un soldato l’ha raggiunta in balcone – dal quale avrebbe effettuato il collegamento – e le ha intimato di rientrare nella camera. Per fortuna stanno tutti bene, come raccontato dalla stessa Stefania Battistini a Rai News: “Ma il rischio è stato altissimo”. L’inviata ha dovuto fornire le sue generalità e dopo poco è stata “liberata” dai soldati che, poi, si sono anche scusati.

Attimi di apprensione anche per i conduttori di UnoMattina, Marco Frittella e Monica Giandotti, con i quali la giornalista stava per collegarsi da Dnipro. Nel filmato tratto dalla diretta di Rai 1 si scorge il militare e a seguire la cronista che cammina con le mani in alto. Probabilmente si è trattato di un’operazione messa in atto per scoprire se in città vi fossero infiltrati russi.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Il Meridiano News ® (@ilmeridiano_news)

“Mentre eravamo in diretta, sono arrivati 4 agenti delle forze speciali – ha raccontato al portale di RaiNews -. Hanno spalancato la porta urlando coi fucili spianati. Hanno buttato a terra i due operatori di ripresa Simone Traini e Mauro Folio, con il ginocchio premuto sulla loro schiena e il kalashnikov puntato a 2 cm dalla loro testa. Erano evidentemente molto nervosi, quindi poteva accadere qualunque cosa”.

“Dopo circa un quarto d’ora è arrivato il capo della Polizia e siamo riusciti a spiegare chi eravamo e cosa stavamo facendo”, ha aggiunto Battistini. “Quello che è successo stamattina racconta il livello di tensione che sta vivendo il popolo ucraino, per cui qualsiasi attività considerata fuori dall’ordinario viene considerata un’attività nemica, una possibile minaccia. Quindi qualunque giornalista straniero – soprattutto chi si ferma diversi giorni – è considerato un possibile pericolo, un possibile sabotatore, una possibile spia”.

LE ULTIME NOTIZIE SULLA GUERRA IN UCRAINA
Ti potrebbe interessare
Esteri / Un nuovo Commonwealth con i Paesi europei più ostili alla Russia: il piano di Boris Johnson
Esteri / Muskgate: l’accusa di molestie e il giallo dei 250mila dollari pagati da SpaceX
Esteri / L’Oklahoma approva la legge contro l’aborto: è la più restrittiva degli Usa
Ti potrebbe interessare
Esteri / Un nuovo Commonwealth con i Paesi europei più ostili alla Russia: il piano di Boris Johnson
Esteri / Muskgate: l’accusa di molestie e il giallo dei 250mila dollari pagati da SpaceX
Esteri / L’Oklahoma approva la legge contro l’aborto: è la più restrittiva degli Usa
Esteri / La disperata fuga in auto sulle strade del Donbass tra le bombe dei russi
Esteri / Guerra in Ucraina, Lavrov, il piano di pace italiano "non è serio". L'Italia revoca 4 onorificenze ai russi "per indegnità"
Esteri / Strage in Texas, chi è Salvador Ramos: il killer che ha sparato a scuola uccidendo 19 bambini
Esteri / Dopo 11 anni, una consulente di Shell si dimette e accusa l’azienda: “Ha causato danni estremi all’ambiente”
Esteri / Elon Musk sulla crisi demografica in Italia: “Se continua così non ci saranno più italiani”
Economia / Soros scrive a Draghi: “Tasse sul gas russo per punire Putin”
Esteri / Strage in Texas, la rabbia del coach Nba Steve Kerr che irrompe in conferenza stampa: “Non parlerò di basket”