Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:33
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Gli Stati Uniti manterranno gran parte delle truppe in Afghanistan

Immagine di copertina

Barack Obama ha dovuto fare marcia indietro rispetto al piano di ritiro iniziale, spiegando come la sicurezza nel paese sia ancora precaria

Il numero di soldati statunitensi in missione in Afghanistan entro la fine del 2016 sarà ridotto da 9,800 unità a 8,400. Lo ha annunciato mercoledì 6 luglio il presidente degli Stati Uniti Barack Obama, spiegando che la sicurezza in Afghanistan rimane precaria.

Il piano iniziale prevedeva di lasciare in Afghanistan 5,500 soldati e di avviare il ritiro di gran parte delle truppe nei prossimi mesi fino alla scadenza del secondo mandato del presidente a gennaio.

Durante una conferenza stampa alla Casa Bianca, Obama ha precisato che i compiti delle truppe non cambieranno: training della polizia e dell’esercito afghano, attività di consulenza e supporto nelle missioni contro i talebani e altri gruppi estremisti attivi nel paese.

Quando nel 2009 venne eletto, uno dei principali impegni presi in campagna elettorale da Obama era stato proprio il ritiro completo dal paese mediorientale, ma in seguito ha dovuto cambiare strategia.

“La sicurezza in Afghanistan rimane precaria. I talebani restano una minaccia e in alcune zone del paese hanno persino guadagnato terreno”, ha spiegato il presidente degli Stati Uniti.

I talebani, infatti, controllano più territori rispetto a quando gli Stati Uniti avviarono l’invasione nel 2001 e il paese è martoriato da decenni da una sanguinosa guerra civile.

Ti potrebbe interessare
Esteri / L’Iran annuncia la ripresa dei negoziati sul nucleare a Vienna: “Ripartiranno a novembre”
Esteri / La Corte Ue condanna la Polonia: multa di 1 milione di euro al giorno
Esteri / Afghanistan: 8 fratellini orfani morti di fame. L’allarme di Save The Children: “Paese sull’orlo della carestia”
Ti potrebbe interessare
Esteri / L’Iran annuncia la ripresa dei negoziati sul nucleare a Vienna: “Ripartiranno a novembre”
Esteri / La Corte Ue condanna la Polonia: multa di 1 milione di euro al giorno
Esteri / Afghanistan: 8 fratellini orfani morti di fame. L’allarme di Save The Children: “Paese sull’orlo della carestia”
Esteri / I Maneskin alla conquista degli Usa: apriranno il concerto dei Rolling Stones a Las Vegas
Esteri / Allarme in Europa: rubate le chiavi per generare Green pass. Nel dark web quello “funzionante” di Hitler
Esteri / Scandalo Facebook, Zuckerberg a un passo delle dimissioni
Esteri / La crisi del Libano: viaggio nel Paese dove la politica settaria tiene in ostaggio la giustizia
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri
Esteri / Boom di contagi nel Regno Unito, il governo corre ai ripari e apre al Green Pass