Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:24
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Gli Stati Uniti contro la risoluzione Onu che condanna l’embargo a Cuba

Immagine di copertina

Nonostante il miglioramento delle relazioni tra Barack Obama e Raul Castro, il voto Usa all'Onu non cambia per il ventiquattresimo anno di seguito

Gli Stati Uniti hanno votato contro la risoluzione delle Nazioni Unite che condanna l’embargo a Cuba e sono stati gli unici contrari insieme a Israele. 

Nonostante il presidente statunitense Barack Obama e il leader cubano Raul Castro abbiano ristabilito le relazioni diplomatiche tra i due paesi il 17 dicembre scorso, il voto degli Stati Uniti sulla risoluzione proposta da Cuba all’Assemblea generale delle Nazioni Unite non è mutato per il ventiquattresimo anno di seguito.

Gli Stati Uniti avevano preso in considerazione per la prima volta l’ipotesi dell’astensione, soprattutto in seguito all’esortazione di Obama al Congresso di rimuovere le restrizioni commerciali su Cuba. Ma alla fine hanno votato contro.

Il vice ambasciatore statunitense Ronald Godard ha motivato la sua bocciatura della risoluzione spiegando che “il governo cubano è in errore se pensa che questo sia un passo in avanti per la normalizzazione delle relazioni”.

Secondo il ministro degli Esteri cubano Bruno Rodriguez, invece, essendo l’embargo posto dagli Stati Uniti un atto unilaterale, esso dovrebbe essere rimosso unilateralmente, senza chiedere nulla in cambio.

La risoluzione proposta da Cuba sulla condanna dell’embargo è stata adottata dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite con 191 voti favorevoli e due contrari.

— Leggi anche: Ha riaperto l’ambasciata americana a Cuba dopo 54 anni. Il reportage di Davide Lerner dall’Avana 

Cosa è successo tra Cuba e Stati Uniti da dicembre 2014 a oggi, senza giri di parole 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Strage in Texas, parla il papà del killer: “Avrebbe dovuto uccidere me”
Esteri / Strage in Texas, morto d'infarto il marito di una delle due insegnanti uccise
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky sente Draghi: "Sblocchiamo porti insieme". Cremlino: negoziati sospesi su decisione di Kiev
Ti potrebbe interessare
Esteri / Strage in Texas, parla il papà del killer: “Avrebbe dovuto uccidere me”
Esteri / Strage in Texas, morto d'infarto il marito di una delle due insegnanti uccise
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky sente Draghi: "Sblocchiamo porti insieme". Cremlino: negoziati sospesi su decisione di Kiev
Esteri / Un nuovo Commonwealth con i Paesi europei più ostili alla Russia: il piano di Boris Johnson
Esteri / Muskgate: l’accusa di molestie e il giallo dei 250mila dollari pagati da SpaceX
Esteri / L’Oklahoma approva la legge contro l’aborto: è la più restrittiva degli Usa
Esteri / La disperata fuga in auto sulle strade del Donbass tra le bombe dei russi
Esteri / Guerra in Ucraina, Lavrov, il piano di pace italiano "non è serio". L'Italia revoca 4 onorificenze ai russi "per indegnità"
Esteri / Strage in Texas, chi è Salvador Ramos: il killer che ha sparato a scuola uccidendo 19 bambini
Esteri / Dopo 11 anni, una consulente di Shell si dimette e accusa l’azienda: “Ha causato danni estremi all’ambiente”