Covid ultime 24h
casi +10.497
deceduti +603
tamponi +254.070
terapie intensive -57

Sri Lanka, il video all’interno della chiesa distrutta dall’esplosione

Di Futura D'Aprile
Pubblicato il 21 Apr. 2019 alle 18:03 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 16:12
0

Le chiese colpite dagli attacchi del 21 aprile 2019 sono state quella di Sant’Antonio a Colombo; di San Sebastiano a Negombo (30 chilometri dalla capitale); una chiesa a Batticaloa, località a 250 chilometri a est della capitale.

Nelle diverse esplosioni, che hanno coinvolto anche alcuni hotel di lusso di Colombo, hanno perso la vita più di 200 persone e altre 300 sono rimaste ferite. Tra le vittime ci sarebbero anche turisti stranieri e la Farnesina ha attivato un numero di emergenza per le segnalazioni e l’Unità di crisi.

>> Sri Lanka, le prime immagini dopo le esplosioni

>>Sri Lanka, il video dell’esplosione nella chiesa di Sant’Antonio

Gli arresti – Secondo quanto affermato dal ministro della Giustizia sette persone sono state fermate con l’accusa di aver collaborato all’organizzazione degli attacchi.

La tragedia che si è consumata il 21 aprile non era del tutto inaspettata: dieci giorni fa il capo della polizia aveva infatti messo in guardia contro possibili attentati kamikaze a “chiese di rilievo” nel paese in vista della Pasqua.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.