Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il paradosso del vaccino Sputnik: la Russia deve importarlo perché non può produrlo

Immagine di copertina

Il paradosso del vaccino Sputnik: la Russia deve importarlo perché non può produrlo

Sputnik V tarda a decollare: mentre il Cremlino usa il vaccino anti-Covid sviluppato dal Fondo russo per gli investimenti come strumento di propaganda, in patria ne produce poco e ne inocula anche meno. Putin ha promesso teoricamente milioni e milioni di dosi dello Sputnik V a tutto il mondo, ma la maggior parte della produzione viene realizzata all’estero, dalla compagnia farmaceutica coreana Hankook Korus Pharm – che secondo quanto riporta il Corriere della Sera ne ha prodotte 150 milioni – dalla cinese Shenzhen Yuanxing Gene-tech Co, da almeno tre aziende indiane.

E intanto Putin ha stipulato accordi di produzione anche in Francia, Italia e Germania. Ma è dalla Corea del Sud che Mosca importa la maggior parte delle dosi che esporta nel resto del mondo o distribuisce in patria, dove però solo una piccola percentuale di cittadini è stata immunizzata: 4,3 milioni di persone, 6,3 se si considera solo la prima iniezione, su una popolazione di 146 milioni di abitanti secondo quanto reso noto dal Cremlino. Anche se Putin ha promesso di coinvolgere 68 milioni di persone entro l’estate “se la produzione aumenterà”, ai ritmi attuali l’obiettivo sembra un’orizzonte difficile.

Nel frattempo il Paese, dove non vigono particolari restrizioni al di fuori dell’utilizzo della mascherina in negozi e mezzi pubblici, registra ancora circa 9mila casi al giorno e una media di 300 decessi quotidiani. Il Corriere rivela di non aver ricevuto alcuna risposta dal Fondo russo sui dati relativi alla produzione dello Sputnik V in casa, alla distribuzione o all’export. Ma sarebbero sette le aziende private che agiscono su licenza secondo il New York Times. Gli scarsi finanziamenti e la mancanza di tecnologia, però, rappresenta un ostacolo alla produzione, e i titolari degli stabilimenti non sono incentivati a incrementare il lavoro. Questo il motivo per cui evidentemente il Fondo russo punta tutto sulla produzione all’estero. Ed è costretto a importare il suo vaccino.

Leggi anche: Sputnik, Bonaccini contro De Luca: “Nessuna regione può acquistarlo senza l’ok dell’Ema”

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL COVID IN ITALIA E NEL MONDO

TUTTI I NUMERI SUL COVID NEL MONDO

Ti potrebbe interessare
Esteri / Erdogan espelle 10 ambasciatori occidentali tra cui Usa e Francia
Esteri / I vincitori del Wildlife Photographer of the Year 2021
Esteri / Un sistema progettato per evitare la tirannia della maggioranza ha creato la tirannia della minoranza
Ti potrebbe interessare
Esteri / Erdogan espelle 10 ambasciatori occidentali tra cui Usa e Francia
Esteri / I vincitori del Wildlife Photographer of the Year 2021
Esteri / Un sistema progettato per evitare la tirannia della maggioranza ha creato la tirannia della minoranza
Esteri / Senatore eletto coi brogli. Ma neanche ora che è stato scoperto dovrà restituire un euro
Esteri / Esercito Europeo: cos’è, come funziona e chi ne fa parte
Esteri / Scudo spaziale, battaglione da 5.000 unità, cooperazione con la Nato: come sarà l’esercito europeo
Esteri / Dalla Polonia al Brasile: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Regno Unito, la regina Elisabetta II ha trascorso la notte in ospedale: è la prima volta in 8 anni
Esteri / Ecco come Amazon trucca i risultati di ricerca per favorire i propri brand e schiacciare le piccole imprese
Esteri / Il business militare di Amazon con Israele rischia di reprimere i palestinesi: vi sveliamo come