Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:32
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Spagna, scambiata alla nascita nell’incubatrice: oggi chiede 3 milioni per danni morali

Immagine di copertina
Immagine di archivio. Credit: Xinhua

È una storia incredibile quella avvenuta in Spagna, nell’ospedale San Millan di Logroño, dove circa 19 anni fa due neonate venivano scambiate e consegnate ai genitori opposti. Una di loro ha scoperto il fatto grazie a un test del Dna e ora chiede un risarcimento danni di 3 milioni di euro al Ministero della Sanità. La vicenda, rivelata dal quotidiano locale La Rioja, ha colpito l’opinione pubblica spagnola anche per le traversie subite dalla giovane, finita in una famiglia problematica.

Ana e Maria (nomi di fantasia scelti dal giornale, ndr) sono nate a cinque ore di distanza l’una dall’altra. Entrambe sottopeso, le due neonate sono state poste nell’incubatrice ed è proprio lì che le piccole sono state scambiate, probabilmente per un errore umano. La famiglia dove è finita Maria si è rivelata problematica, nel 2003 la piccola è stata affidata alla nonna materna che ne è diventata la tutrice. A 15 anni la nonna di Maria ha fatto causa al “padre” della nipote chiedendo il pagamento degli alimenti. Ma l’uomo si è rifiutato spiegando che Maria non era figlia sua. A quel punto la giovane ha fatto il test del Dna e ha scoperto così di non avere alcun legame biologico con quelli che per quasi vent’anni ha creduto fossero i suoi genitori.

Da questo momento, con l’aiuto di uno studio di avvocati, Maria si è dedicata alla ricerca dei suoi veri genitori. Il Tribunale dei minori l’ha abilitata a procedere come se fosse già maggiorenne. Su sua istanza, le autorità sanitarie della provincia hanno avviato una indagine, attraverso la quale si è scoperto lo scambio. Ma Maria non ha fatto in tempo a conoscere la sua vera madre, morta nel 2018.

Ora sono in corso due procedure. Una per il riconoscimento di filiazione dal suo vero padre, che si è sottoposto volontariamente alla prova del Dna a gennaio. Il risultato non è stato ancora comunicato ufficialmente, ma sembra non vi siano dubbi. La seconda, che dipende dall’esito della prima, è la richiesta di risarcimento alle autorità sanitarie. Queste però non si ritengono responsabili della vicissitudini della ragazza e avrebbero offerto un indennizzo di 215mila euro.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Josep Borrell: “Prendiamo sul serio minaccia nucleare di Putin”
Esteri / Yvon Chouinard: storia del fondatore di Patagonia, che ha deciso di donare la sua azienda per il clima
Esteri / Ucraina, missile russo su Zaporizhzhia: un morto e 7 feriti
Ti potrebbe interessare
Esteri / Josep Borrell: “Prendiamo sul serio minaccia nucleare di Putin”
Esteri / Yvon Chouinard: storia del fondatore di Patagonia, che ha deciso di donare la sua azienda per il clima
Esteri / Ucraina, missile russo su Zaporizhzhia: un morto e 7 feriti
Esteri / Morti oltre 80 migranti al largo della Siria. Le famiglie sul barcone cercavano di raggiungere l'Europa
Esteri / Morte della Regina: “Harry furioso per l’esclusione di Meghan da Balmoral”
Esteri / Il Cremlino avverte Kiev: “Dopo il referendum, ogni attacco in Donbass sarà contro la Russia”
Esteri / Ucraina, al via i referendum nelle regioni occupate: "Gruppi armati costringono a votare"
Esteri / Il patriarca di Mosca Kirill esorta i fedeli ad arruolarsi: “Se muori sarai con Dio”
Cronaca / Ue, l’avvertimento di Von der Leyen: “Se l’Italia andrà in una situazione difficile abbiamo gli strumenti”
Esteri / Scambio di prigionieri tra Russia e Ucraina, liberi oltre cento combattenti Azov