Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 04:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

La Catalogna “non accetterà” il piano del primo ministro spagnolo Rajoy

Immagine di copertina
Credit: Afp

Nella serata di sabato 21 ottobre, il presidente della regione autonoma Carles Puigdemont ha inviato un messaggio di risposta al governo di Madrid, intenzionato a sospenderne l'autorità attraverso l'applicazione dell'articolo 155 della Costituzione. Ecco cosa ha detto:

“Il popolo della Catalogna non può accettare le misure illegali prese dal governo spagnolo per governare direttamente la regione da Madrid”, ha detto il presidente della Catalogna, Carles Puigdemont in un messaggio di risposta al primo ministro Rajoy, dopo la sua decisione di sospendere le autorità locali catalane applicando l’articolo 155 della Costituzione spagnola.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Il presidente catalano ha poi chiesto al parlamento regionale di agire contro le misure del governo nazionale. Puigdemont ha detto inoltre che la decisione del primo ministro spagnolo Rajoy di sospendere il governo regionale e indire nuove elezioni, è stato “il peggior attacco contro le istituzioni e il popolo della Catalogna dalla dittatura militare di Francisco Franco”.

“Chiedo al Parlamento di riunirsi in una sessione plenaria durante la quale noi, i rappresentanti della sovranità dei cittadini, saremo in grado di decidere su questo tentativo di liquidare il nostro governo e la nostra democrazia e agire di conseguenza”, ha detto Puigdemont nel suo messaggio televisivo.

Il presidente catalano si è poi detto pronto a proclamare la repubblica se il governo spagnolo deciderà di non aprire al dialogo con la Generalitat.

Cosa è successo finora

Ieri, alla presenza di tutti i ministri del suo governo, il primo ministro spagnolo Mariano Rajoy aveva annunciato la decisione di applicare, per la prima volta nella storia della Spagna, l’articolo 155 della Costituzione. Madrid ha così deciso di sospendere il presidente della Catalogna Carles Puigdemont, il vicepresidente  Oriol Junqueras e tutti i consiglieri. La richiesta sarà ora formulata al Senato, dove Rajoy possiede la maggioranza assoluta dell’assemblea.

Per il governo spagnolo, il presidente catalano si è infatti reso responsabile di una “disobbedienza ribelle, sistematica e consapevole” degli obblighi previsti dalla legge e dalla Costituzione e ha “gravemente attentato” all’interesse generale dello stato.

Il testo dell’articolo 155

“Se una Comunità Autonoma non compie gli obblighi che le impongono la Costituzione o altre leggi, o agisce in forma che attenti gravemente all’interesse generale della Spagna, il Governo dopo avere interpellato il Presidente della Comunità Autonoma e nel caso in cui non ne conseguano risultati, con l’approvazione a maggioranza assoluta del Senato, potrà adottare le misure necessarie per poterla obbligare al compimento forzoso di tali obblighi o per la protezione dell’interesse generale. Per l’esecuzione delle misure previste nel precedente capoverso il Governo potrà dare istruzioni a tutte le autorità delle Comunità Autonome”.

Come si è arrivati fin qui

Sabato 21 ottobre è stata convocata una nuova protesta degli indipendentisti, dopo quella dello scorso 17 ottobre, per chiedere il rilascio dei due leader indipendentisti arrestati con l’accusa di sedizione, Jordi Sánchez e Jordi Cuixart.

Lo scorso primo ottobre, in un referendum dichiarato illegale dalla Corte costituzionale spagnola, i catalani si sono espressi in favore dell’indipendenza da Madrid.

Il 10 ottobre, il presidente catalano Carles Puigdemont, in un discorso di fronte al parlamento regionale, ha di fatto dato il via all’iter per l’indipendenza della regione autonoma dalla Spagna.

I popolari di Rajoy hanno sancito un accordo politico con i socialisti che, a fronte del sostegno all’articolo 155, hanno chiesto che venga riformata la costituzione nella parte in cui disciplina le autonomie regionali, e che si vada alle elezioni in Catalogna.

– LEGGI ANCHE: Cosa prevede l’art. 155 della Costituzione spagnola con cui Madrid può impedire l’indipendenza della Catalogna
Ti potrebbe interessare
Esteri / Julian Assange, conclusa l’udienza finale: i giudici rinviano il verdetto sull’appello contro la procedura di estradizione
Esteri / Ilaria Salis incontra il deputato Ciani nel carcere di Budapest: “Condizioni migliori dopo il clamore in Italia”
Esteri / “Navalny ucciso con un colpo al cuore”: l’ipotesi del Times
Ti potrebbe interessare
Esteri / Julian Assange, conclusa l’udienza finale: i giudici rinviano il verdetto sull’appello contro la procedura di estradizione
Esteri / Ilaria Salis incontra il deputato Ciani nel carcere di Budapest: “Condizioni migliori dopo il clamore in Italia”
Esteri / “Navalny ucciso con un colpo al cuore”: l’ipotesi del Times
Esteri / Gaza, il principe William: “Troppi morti, basta guerra”
Esteri / Usa all'Aia: "L'attacco del 7 ottobre dimostra esigenze di sicurezza di Israele". Knesset vota contro creazione "unilaterale" Stato palestinese
Esteri / La Russia bandisce Radio Free Europe/Radio Liberty: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Bielorussia, morto in carcere oppositore di Lukashenko
Esteri / Russia, confermati gli arresti per il giornalista del Wsj Evan Gershkovich: resterà in carcere fino al 30 marzo
Esteri / Putin regala un’auto di lusso a Kim Jong-Un in segno di “amicizia”
Esteri / Julian Assange, udienza decisiva: l'ultimo appello contro l'estradizione negli Usa