Spagna, gruppo di anziani positivi al Coronavirus preso a sassate dai residenti: “Qui non li vogliamo”

Due persone sono state arrestate dopo che un gruppo di una cinquantina di individui ha lanciato sassi e altri oggetti contro il convoglio di ambulanze che stava trasportando gli anziani malati

Di Costantino Pistilli
Pubblicato il 29 Mar. 2020 alle 12:56
4.4k
Immagine di copertina
Un fermo immagine del video di La Vanguardia

Spagna, gruppo di anziani positivi al Coronavirus preso a sassate dai residenti: “Qui non li vogliamo”

In Spagna il Coronavirus sta infettando anche cervello e cuore oltre ai polmoni. Pochi giorni fa la notizia che a Línea de La Concepción, Spagna del sud, un convoglio di ambulanze che trasportavano 28 anziani affetti da Covid-19 è stato preso a sassate da un gruppo di residenti contrari allo spostamento dei poveri vecchietti in una casa di cura della città. Anche i poliziotti che scortavano il gruppo di anziani sono stati oggetto del lancio di pietre e di un bengala, oltre a ricevere minacce e insulti che varie persone urlavano in strada, dalle terrazze e dai balconi mentre un’automobile era stata parcheggiata in mezzo alla strada per bloccare il convoglio.

Durante la notte le proteste e gli atti vandalici non sono cessati: sono stati bruciati anche dei cassonetti dell’immondizia e polizia ha dovuto fronteggiare un gruppo di circa 50 persone deciso a continuare le proteste fuori la casa di cura dove erano stati fortunatamente ospedalizzati gli anziani malati di Covid-19.

Scene di guerra. Il nemico? Un esercito formato da meno di trenta vecchietti, malati, a bordo di ambulanze, trasferiti dalla casa di cura della città di Alcalá del Valle, un piccolo comune ma con molti contagiati. Proprio nella casa di cura dove risiedevano questi anziani c’erano stati già tre morti, oltre all’aumento degli infettati anche tra il personale sanitario: il rischio di creare un focolaio era imminente.

A causa di questa situazione e per la mancanza di mezzi per affrontare il problema, gli anziani della casa di cura comunale sono stati trasferiti in un alloggio di un altro centro con caratteristiche simili situato a pochi chilometri di distanza: La Línea de la Concepción. Dove avrebbero dovuto lasciare ogni speranza una volta entrati. Infatti, quando la notizia ha raggiunto parte della popolazione sono stati diffusi messaggi di disapprovazione attraverso alcuni social network e i “bravi” si sono dati appuntamento in strada per impedire il trasferimento dei poveri vecchietti accolti nella nuova casa di cura dove resteranno in quarantena insieme al personale ospedaliero, proprio per evitare il contagio. Due persone che facevano parte del branco de los valientes sono stati arrestati. Il sindaco e molte persone della città hanno invece espresso solidarietà, accoglienza, sostegno e applausi ai 28 abuelitos e condannato l’iniziativa di chi la vita non la rispetta ma la prende a pietrate.

Leggi anche:

TUTTE LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

Leggi anche:  1. ESCLUSIVO TPI: Una nota riservata dell’Iss rivela che il 2 marzo era stata chiesta la chiusura di Alzano Lombardo e Nembro. Cronaca di un’epidemia annunciata / 2. Coronavirus Anno Zero, quel 23 febbraio all’ospedale di Alzano Lombardo: così Bergamo è diventata il lazzaretto d’Italia

3. Il sindaco Gori a TPI: “Le bare di Bergamo sono solo la punta di un iceberg, i nostri morti sono quasi tre volte quelli ufficiali”/ 4. Perché in Lombardia si muore? Gli errori di Fontana e altre sette importanti ragioni /

5. Coronavirus, tamponi per asintomatici? Solo ai privilegiati. Così prolifera il business dei test privati / 6. Coronavirus, parla la fidanzata di Rugani della Juve: “Il tampone? Sono venuti a farmelo a casa. Nessuna via preferenziale, il trattamento è uguale per tutti” (di Giulio Gambino)

4.4k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.