Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 13:15
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

La lussuosa soluzione di Lisbona per risolvere il problema dei piccioni

Immagine di copertina
Anche città come Barcellona e Parigi hanno adottato soluzioni simili. Credit: Afp

Per ridurne il numero, la capitale portoghese ha messo a loro disposizione una struttura con cibo e acqua fresca, con un intervento solo in apparenza paradossale

Lisbona ha deciso di investire in una lussuosa soluzione per risolvere uno dei problemi che colpisce le città di tutto il mondo: la presenza dei piccioni. Nella capitale del Portogallo, ce ne sono cinquanta ogni dieci abitanti.

Come riporta il Wall Street Journal, l’amministrazione locale ha ristrutturato, al costo di 12mila euro, una torre colombaia in grado di ospitare questi volatili. Questa struttura è fornita di acqua fresca e di cibo apposito per uccelli. Le pareti sono rivestite con pannelli di legno, allo scopo di promuovere il benessere dei piccioni.

A prima vista, questa soluzione sembra essere poco funzionale: se si vuole abbassare il numero di volatili nelle strade e nelle piazze, che senso ha aiutarli a stare meglio, incentivandone la riproduzione?

È proprio su quest’ultimo comportamento che è mirato in realtà l’intervento. La presenza di uno spazio sicuro permette di sapere con maggiore certezza dove depositeranno le uova i piccioni. Il personale predisposto ha il compito di sostituirle con uova finte, eccetto alcune, per non insospettire i volatili.

In più, questa struttura – che ha un costo di mantenimento mensile di 250 euro – serve anche per curare gli animali ed evitare la diffusione di parassiti.

“I piccioni hanno bisogno di dignità e di una buona qualità della vita”, ha spiegato al Wall Street Journal Joana Antunes, un’avvocata che gestisce la torre con altri cinque volontari. “Se lo meritano”.

Non è la prima volta che una città europea sostituisce programmi di uccisione dei piccioni con strutture come questa. Barcellona ha alcuni centri in cui è distribuito mangime contraccettivo. Parigi spende più di 20mila euro all’anno per torri colombaie dove le uova vengono agitate, in maniera tale che il pulcino non si sviluppi, o ricoperte di paraffina, per far sì che non si schiudano.

Ora resta solo vedere se questa iniziativa avrà i risultati sperati, mentre altre 23 strutture simili saranno costruite nei prossimi mesi.

 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Moni Ovada: “Sono ebreo ma Israele fa una politica infame e strumentalizza la Shoa”
Esteri / India, attore 35enne muore di Covid e lascia un video di denuncia: “Sarei sopravvissuto con cure giuste”
Esteri / Ora è guerra Hamas-Israele: “Lanciati oltre 200 razzi”. Netanyahu: “Continueremo a colpire”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Moni Ovada: “Sono ebreo ma Israele fa una politica infame e strumentalizza la Shoa”
Esteri / India, attore 35enne muore di Covid e lascia un video di denuncia: “Sarei sopravvissuto con cure giuste”
Esteri / Ora è guerra Hamas-Israele: “Lanciati oltre 200 razzi”. Netanyahu: “Continueremo a colpire”
Esteri / Unicef: "Sono i bambini di Gaza a pagare il prezzo più alto: 9 morti e 43 feriti"
Esteri / La campagna del governo cinese per impedire alle donne musulmane dello Xinjiang di avere figli
Esteri / Per la prima volta una donna alla guida del Washington Post: la nuova direttrice è Sally Bazbee
Esteri / Cipro, peschereccio italiano speronato da barche turche
Esteri / L’Lsd sarà legale negli Usa: “Può curare malattie mentali gravi”
Esteri / India, dal fiume Gange riaffiorano cadaveri: “Sono vittime del Covid”
Esteri / Spari e studenti in fuga dalle finestre: il video della strage nella scuola di Kazan