Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 22:03
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

In Turchia verremmo uccisi, dicono i soldati turchi fuggiti in Grecia

Immagine di copertina

Gli 8 uomini sono stati condannati a 2 mesi di reclusione con la condizionale per ingresso illegale nel paese ma le autorità stanno valutando le loro richieste di asilo

Gli otto soldati turchi che erano fuggiti in Grecia con un elicottero militare dopo il fallimento del colpo di stato della notte tra il 15 e il 16 luglio temono che sarebbero uccisi se venissero rimandati in Turchia.

Gli uomini erano atterrati nella città settentrionale di Alessandropoli a mezzogiorno di sabato dopo aver inviato un segnale di emergenza. Erano stati arrestati e avevano chiesto asilo politico.

“Ritengono che, in un modo o nell’altro, perderebbero la vita se tornassero in Turchia”, ha riferito il legale di quattro di loro, Vasiliki Ilia Marinaki, quando sono apparsi in tribunale a volto coperto. “Che la pena di morte sia reintrodotta o meno, credono che alla fine verrebbero uccisi”.

Giovedì erano stati condannati a due mesi di reclusione con la condizionale per essere entrati in Grecia illegalmente. Le loro richieste di asilo sono sotto esame e la prossima settimana sosterranno dei colloqui con le autorità dell’Immigrazione.

La Turchia sostiene che si tratta di traditori e di elementi terroristi e ne ha chiesto l’estradizione, perciò la Grecia ha dichiarato che valuterà le loro richieste di asilo rapidamente.

I militari sostengono che non sapevano che fosse in corso un golpe e che i loro superiori li avevano incaricati di trasportare i feriti alle ambulanze.

Avevano deciso di fuggire a bordo dell’elicottero quando la polizia aveva cominciato a sparare contro il Black Hawk.

“Erano in condizioni di emergenza ed è per questo che sono entrati in territorio greco. Ad ogni modo, sono entrati in Grecia ufficialmente, ossia sono atterrati all’aeroporto e una volta sbarcati hanno immediatamente richiesto asilo politico”, ha riferito Marinaki.

Ti potrebbe interessare
Esteri / La crisi del Libano: viaggio nel Paese dove la politica settaria tiene in ostaggio la giustizia
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri
Ti potrebbe interessare
Esteri / La crisi del Libano: viaggio nel Paese dove la politica settaria tiene in ostaggio la giustizia
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri
Esteri / Boom di contagi nel Regno Unito, il governo corre ai ripari e apre al Green Pass
Esteri / Colombia, catturato il narcotrafficante Otoniel. Il presidente Duque: "È il colpo del secolo"
Esteri / Erdogan espelle 10 ambasciatori occidentali tra cui Usa e Francia
Esteri / I vincitori del Wildlife Photographer of the Year 2021
Esteri / Un sistema progettato per evitare la tirannia della maggioranza ha creato la tirannia della minoranza
Esteri / Senatore eletto coi brogli. Ma neanche ora che è stato scoperto dovrà restituire un euro
Esteri / Esercito Europeo: cos’è, come funziona e chi ne fa parte