Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 12:04
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

L’attacco della Turchia ai curdi in Siria: colpita anche Kobane, la città che sconfisse l’Isis

Immagine di copertina
Una foto di Kobane nel 2018. Credit: AFP

Siria Turchia, attacco ai curdi: colpita Kobane, città simbolo anti-Isis

Nel mirino dell’offensiva della Turchia in Siria contro i curdi c’è anche Kobane, la città-simbolo della resistenza curda contro l’Isis.

La città è stretta tra le aree già in mano ad Ankara a ovest, zone che sono state occupate in due precedenti incursioni in Siria tra il 2016 e il 2018 e ripopolate da etnie e milizie pro-Erdogan, e la nuova offensiva armata a est.

È da lì che era partita la liberazione del nord della Siria dal Califfato.

È “stata attaccata anche Kobane”, la città simbolo della resistenza curda contro l’Isis, e la “comunità internazionale deve impegnarsi per fermare la Turchia”, ha detto Yilmaz Orkan dell’Ufficio d’informazione del Kurdistan.

Gli aerei turchi avrebbero bombardato sia obiettivi militari che civili.

“Questi attacchi turchi non aiutano, la guerra, gli interventi militari creano sempre più problemi, distruggono vite”, sono state le parole di Orkan. Che ieri ha lanciato un allarme: “Se continuerà così i cittadini del nord della Siria inizieranno a fuggire”.

Orkan ha aggiunto poi che “i curdi non vanno abbandonati”, parlando “sia alla coalizione che all’America”. “Per anni abbiamo lavorato insieme per eliminare Daesh”, ricorda Orkan. Ora, conclude citando notizie dal campo che parlano di “bombardamenti in 23-24” aree differenti, le Forze democratiche della Siria (Fds) “rispondono gli attacchi” e “non sappiamo cosa succederà”.

L’attacco della Turchia ai curdi in Siria: prime vittime civili, il Senato Usa chiede sanzioni

Siria Turchia, bombardata Kobane

La Turchia ha dato il via ai raid contro i curdi in Siria nel Rojava, la regione nel nord-est del Paese a maggioranza curda. L’attacco di Ankara è iniziato dopo lo spostamento di alcune decine di militari americani di stanza al confine turco-siriano.

Su Twitter il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha dichiarato: “L’operazione Fonte di Pace neutralizzerà la minaccia terroristica contro la Turchia e permetterà la creazione di una zona di sicurezza, favorendo il ritorno dei rifugiati siriani alle loro case. Preserveremo l’integrità territoriale della Siria e libereremo le comunità locali dai terroristi”.

Gli ha risposto Mustafa Bali, portavoce delle Syrian Democratic Forces: “Kobane, la città che ha resistito a Isis per mesi e messo le basi per la sua sconfitta, adesso viene bombardata dall’esercito turco”.

Chi sono i curdi e perché non sono mai riusciti ad avere uno loro Stato

Ti potrebbe interessare
Esteri / Casa bombardata a Gaza, morti 8 bambini e 2 donne
Esteri / Maxi attacco a Gaza, Israele colpisce i tunnel di Hamas. Finora i morti sono 136
Esteri / Pulizia etnica e giornalisti arrestati: in Etiopia non basta un premio Nobel per la pace
Ti potrebbe interessare
Esteri / Casa bombardata a Gaza, morti 8 bambini e 2 donne
Esteri / Maxi attacco a Gaza, Israele colpisce i tunnel di Hamas. Finora i morti sono 136
Esteri / Pulizia etnica e giornalisti arrestati: in Etiopia non basta un premio Nobel per la pace
Esteri / Un milione di dollari in palio per chi si vaccina: la lotteria dell’Ohio per incentivare i No Vax
Esteri / "Io, scrittore israeliano, vi dico che l'inferno non finirà mai: Israele non sa riconoscere i suoi errori"
Esteri / Nuovi raid su Gaza, tre razzi lanciati dalla Siria. Finora 126 morti
Esteri / “I vaccinati causano infertilità e aborti”: i no-mask pensano addirittura di usare la mascherina
Esteri / In Cambogia migliaia di persone sono rimaste senza cibo e medicine a causa del lockdown
Esteri / Iran, ragazzo di 20 anni decapitato dai suoi familiari perché gay
Esteri / L’uomo con 151 figli e 16 mogli: “Il mio lavoro è soddisfarle sessualmente”